Riad minaccia rappresaglie contro Teheran

63

ARABIA SAUDITA – Riad. L’Arabia Saudita ha avvertito che reagirà militarmente se l’Iran continuerà a intromettersi nello spazio aereo e nelle acque limitrofe ai suoi impianti petroliferi offshore nel Golfo Persico.

Riad ha detto di riservarsi il diritto di rappresaglia nei confronti di Theran. Il mitragliamento iraniano contro un drone statunitense agli inizi di ottobre 2012 ha innalzato la preoccupazione per una escalation delle tensioni nella regione.

L’inviato saudita alle Nazioni Unite, Abdullah Al Mouallimi, ha scritto al Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon sulle intrusioni iraniane.

«Il Governo del Regno dell’Arabia Saudita si riserva il diritto di intraprendere qualsiasi azione che riterrà opportuno al fine di tutelare le sue acque e i suoi giacimenti di petrolio, e ritiene le autorità iraniane completamente responsabili di tutte le possibili conseguenze (…) Questi due sono campi off-shore sauditi, secondo quanto stabilito nella convenzione conclusa tra il Regno di Arabia Saudita e l’Iran … nel 1968, in cui la linea di demarcazione del confine tra i campi off-shore dei due paesi è stata delineata»ha scritto Al Mouallimi.

Nella lettera, l’inviato saudita ha detto che nel mese di luglio un elicottero iraniano volteggiava più volte sopra i siti di Hasba, e in un’altra occasione due lance militari iraniane hanno intercettato e fermato una nave appartenente alla saudita Aramco.

Al Mouallimi ha anche detto che il ministero degli Esteri saudita aveva già inviato una lettera al suo omologo iraniano chiedendo che tali incidenti non si ripetessero.