Raffinerie, Riad primo in classifica

83

ARABIA SAUDITA – Riad. 07/11/14. Sempre più chiaro il piano economico dell’Arabia Saudita alla luce dei suoi investimenti in raffinerie. L’entrata in funzione delle sue due nuove raffinerie, sta ridefinendo il suo ruolo di esportatore di greggio in seno all’OPEC.

I due impianti entro il 2015 potranno raffinare 800.000 barili al giorno ma questo è solo l’inizio di un progetto economico molto più ambizioso che vuole nel decennio arrivare a una capacità di raffinazione di 8 milioni di barili. Secondo alcuni analisti, Riad intende utilizzare gran parte del petrolio estratto per le sue industrie. Il resto andrà per l’esportazione. Ma Riad vuole assolutamente diventare un player di prodotti raffinati quali: benzina, diesel e jet full.

Yasser Elguindi di Medley Advisors in una intervista ha dichiarato: «C’è chiaramente un riequilibrio nel regno in quanto sta diventando uno dei player più importanti. Mentre l’Arabia potrebbe perdere sulle esportazioni di greggio, guadagnerà quote di mercato in termini di prodotti raffinati».

Le esportazioni di greggio dell’OPEC sono in diminuzione negli ultimi mesi mai stati a livelli più bassi in questi tre anni. Statale Saudi Aramco e le sue controllate possiedono, o hanno partecipazione in, raffinerie nazionali e internazionali, con una capacità di raffinazione a livello mondiale totale di 4,9 milioni di barili al giorno, di cui la sua quota del patrimonio netto è di 2,6 milioni di barili al giorno, il che rende rende l’Arabia Saudita il sesto Paese più importante in termini di prodotto raffinato nel mondo. A implementare le prestazioni di Riad gli impianti SATORP, a Jubail, e la raffineria Yasref a Yanbu, che ha iniziato la sperimentazione a settembre con il primo carico di gasolio esportato previsto per dicembre. Il CEO di Aramco Khaled al-Falih ha detto in maggio gli investimenti dell’azienda supererebbero 100 miliardi di dollari nel prossimo decennio nei mercati in crescita nell’Estremo Oriente e il Medio Oriente» e questo farà dell’Arabia Saudita uno dei più grandi operatori della Penisola arabica e del mondo. La società ha istituito uffici in Europa e Singapore per vendere più prodotti petroliferi, dicono fonti commerciali del settore. Si esporta centinaia di migliaia di tonnellate di prodotto mensile per l’Europa e l’Asia e rosica fette di mercato agli Emirati Arabi Uniti, e benzina per il Kuwait e Bahrain quest’anno, hanno detto le fonti.

«Entro il 2018-19 l’Arabia Saudita produrrà due terzi del prodotto e per un terzo greggio. Che avrà grande implicazione per l’OPEC» ha detto Fereidun Fesharaki, presidente del consulente energetico FGE,  a margine della conferenza Oil and Money a Londra. «Non si può essere il re del greggio se non sei il primo esportatore».