Rete di imprese per uscire dalla crisi, l’esempio delle Marche

46

Reti d’impresa non è solo teoria ma è una buona pratica per uscire dalla crisi. «Nelle Marche esiste buona collaborazione tra piccole imprese, il 42% degli imprenditori marchigiani, infatti, secondo gli ultimi dati, ritiene fondamentali le strategie di collaborazione in rete. Una percentuale che è superiore alla media italiana, pari al 39%».

A riferirlo Sara Giannini, assessore alle Attività produttive della Regione Marche, durante la presentazione di “Micro Green Logistic” progetto sviluppato dalla Cna Macerata per favorire la creazioni di rete ra imprese allo scopo di abbattere i costi della logistica. «Gli obiettivi perseguiti da chi si organizza in reti d’impresa – ha aggiunto Giannini – sono la commercializzazione e distribuzione, ricerca e sviluppo, potenziamento della capacità produttiva, l’ideazione di nuovi prodotti e la loro sostenibilità ambientale. La Regione, anche con specifici bandi d’agevolazione sostiene questa forma di organizzazione aziendale, accanto a quella distrettuale, che permette anche alle imprese di piccole dimensioni di competere ed entrare in nuovi mercati». Parlando di “Micro Green Logistic” Luigino Quarchioni, presidente di Legambiente Marche, ha evidenziato che si tratta di un progetto «innovativo e coraggioso, un buon esempio di come nelle Marche, una tra le regioni più manifatturiere d’Italia (1 azienda ogni 9 abitanti) e con un’imprenditoria variegata e diffusa, la green economy rappresenti un nuovo modo di fare impresa applicabile ai più diversi settori produttivi». Per Maurizio Tritarelli, Presidente Cna Macerata «il progetto rappresenta un tassello importante che si inserisce lungo il percorso di ristrutturazione del settore calzaturiero. La CNA lo ha seguito all’interno di una strategia più ampia che ci vede impegnati nello studio e nella sperimentazione di soluzioni praticabili che interessano diversi settori comunque finalizzate al recupero di efficienza e produttività, come il consolidamento dei rapporti già informalmente esistenti tra le PMI attraverso la costituzione delle Reti».