REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO. La violenza etnica può riesplodere in ogni momento

41

«Nuove ondate di violenza potrebbero scoppiare in qualsiasi momento» nella Repubblica Democratica del Congo occidentale, ha avvertito l’ufficio per i diritti dell’Onu, a meno che il governo non agisca per alleviare «tensioni e risentimenti» tra le comunità coinvolte. Uccisioni pianificate e orchestrate hanno avuto luogo nella provincia di Mai-Ndombe, nel territorio di Yumbi alla fine dello scorso anno, dove sono rimaste uccise centinaia di persone. La valutazione finale di un’indagine Onu sugli eventi del 16-18 dicembre 2018, afferma che la violenza può equivalere a crimini contro l’umanità.

Stando a quanto riporta DefenceWeb,i risultati preliminari dell’inchiesta hanno trovato prove di attacchi estesi tra il 16 e il 18 dicembre in quattro località. Inizialmente è stato riferito che 890 persone sono state uccise e che sono state migliaia gli sfollati a seguito degli scontri tra le comunità Banunu e Batende, ha riportato l’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, Ohchr: sono state uccise almeno 535 persone tra uomini, donne e bambini e 111 altri sono rimasti feriti nella città di Yumbi, nel villaggio di Bongende e nel villaggio di Nkolo II. Per l’Onu si tratta di una sottostima perché molte altre vittime sono state gettate nel fiume Congo.

L’Ohchr ha spiegato che non è possibile confermare il numero di persone ancora disperse, dato che si stima che circa 19.000 persone sono state sfollate a causa della violenza e che 16.000 persone hanno attraversato il fiume Congo per raggiungere la Repubblica del Congo.

Secondo gli investigatori Onu, la Monusco e il team di Ohchr, la violenza è stata scatenata da una disputa per la sepoltura di un capo dei Banunu, sul territorio di Batende. Gli attacchi sono stati sorprendentemente simili e caratterizzati da estrema violenza e velocità, lasciando poco tempo alla gente per fuggire, notando che gli abitanti del villaggio di Batende erano dotati di armi da fuoco. Nessuna prova di collegamento con le elezioni è stato riscontrato.

Secondo l’Onu, i crimini documentati a Yumbi possono equivalere a crimini contro l’umanità peri casi di omicidio, tortura, stupro e altre forme di violenza sessuale, così come la persecuzione.

Il rapporto finale delle Nazioni Unite afferma che «le tensioni e il risentimento tra le comunità, insieme alle voci di rappresaglie, potrebbero dar luogo a nuove ondate di violenza in qualsiasi momento».

Maddalena Ingrao