Londra e il Polo Nord

45

REGNO UNITO – Londra 20/10/2013. Il governo del Regno Unito ha illustrato la sua strategia e la politica sull’Artico in un documento intitolato: “Arctic Policy Framework – Adapting To Change: UK policy towards the Arctic”.

Il documento illustra in che modo il Regno Unito continuerà a sostenere e rispettare i diritti sovrani degli Stati artici e delle popolazioni che vivono e lavorano nella regione artica e a tutelare il contesto naturale unico e fragile del Polo Nord. Allo stesso tempo, delinea gli interessi del Regno Unito nella regione e le priorità.

Il ministro degli Esteri britannico Mark Simmonds ha detto che «l’Artico è una delle regioni più dinamiche e influenti del mondo, nonostante la sua lontananza dai grandi centri abitati e le sue spesso difficili condizioni geografiche e climatiche. È la frontiera degli impatti globali del cambiamento climatico».

Egli ha aggiunto che il documento del governo definisce per la prima volta il dettaglio degli interessi del Regno Unito nella regione artica definendo «come lavoreremo con la comunità internazionale in generale, le competenze che il Regno Unito può offrire per contribuire a soddisfare alcune delle sfide a lungo termine che interessano la regione».

Allo stesso modo il ministro dell’Università e della Scienza David Willetts ha sottolineato che «la comprensione di ciò che sta guidando i rapidi cambiamenti che interessano l’ambiente artico è una sfida scientifica urgente , l’impatto di questi cambiamenti è di rilievo mondiale (…) Come indicato in questo nuovo documento, il Regno Unito intende promuovere una maggiore comprensione della regione artica attraverso la collaborazione scientifica internazionale e promuovere lo sviluppo delle politiche sulla base di prove solide. La cooperazione, il rispetto e la leadership saranno fondamentali per l’approccio del Regno Unito quando si lavora con gli Stati artici».

La pubblicazione è la risposta del governo britannico alla relazione del Comitato per il Controllo Ambientale e di Protezione dell’Artico, pubblicata nel gennaio 2013.

I paesi con interessi nell’Artico si sono riuniti nel Consiglio artico, forum intergovernativo che indirizza i temi già affrontati da paesi membri e popolazioni indigene dell’Artico.

È composto da otto paesi membri: Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia, Svezia e Stati Uniti e da sei organizzazioni internazionali che rappresentano le popolazioni indigene. Il primo passo verso la formazione del Consiglio è stato fatto nel 1991, quando gli otto paesi artici hanno firmato l’Arctic Environmental Protection Strategy (Aeps).

La Dichiarazione di Ottawa del 1996 ha istituito il Consiglio artico come forum per la promozione della cooperazione, il coordinamento e l’interazione tra gli Stati artici, con il coinvolgimento delle comunità indigene dell’Artico e degli altri abitanti dell’Artico su temi quali lo sviluppo sostenibile e la tutela dell’ambiente.