REGNO UNITO. Dal 2020 Londra impone una sua tassa sui servizi digitali

46

Philip Hammond, cancelliere dello Scacchiere, cioè ministro delle Finanze britannico, ha annunciato una nuova tassa che colpirà i giganti della tecnologia chiedendo alle aziende «di pagare la loro giusta quota». Consegnando il bilancio 2018 alla Camera dei Comuni, il Cancelliere ha dichiarato che introdurrà una tassa sui servizi digitali, che entrerà in vigore nel 2020.

La misura dovrebbe raccogliere oltre 400 milioni di sterline all’anno e probabilmente colpirà giganti come Amazon, Google e Facebook. Hammond ha detto ai Comuni: «Le regole del gioco devono evolvere ora se vogliamo stare al passo con l’emergente economia digitale (…) È giusto che questi giganti globali, con imprese redditizie nel Regno Unito, paghino la loro giusta parte per sostenere i nostri servizi pubblici (…) Si tratta di una vera sfida per la sostenibilità e l’equità del nostro sistema fiscale. Le norme non hanno semplicemente tenuto il passo con l’evoluzione dei modelli di business e chiaramente non è sostenibile o equo che le imprese di piattaforme digitali possano generare un valore sostanziale nel Regno Unito senza pagare le tasse qui in relazione a quell’attività» riporta The Independent.

L’imposta “strettamente mirata” si applicherà alle entrate generate nel Regno Unito e sarà «progettata per garantire che siano i giganti tecnologici affermati, piuttosto che le nostre start-up tecnologiche, a sostenere l’onere», ha detto Hammond. Si applicherà, infatti, solo alle aziende che sono redditizie e che hanno un fatturato globale di oltre 500 milioni di sterline all’anno. 

I giganti del web dovranno pagare una tassa sui servizi digitali del 2%; la Digital Services Tax genererà 1,49 miliardi di sterline tra aprile e marzo 2024, di cui 440 milioni di sterline all’anno entro il 2023-24, secondo le stime degli esperti. Circa 30 motori di ricerca, piattaforme di social media e mercati online saranno colpiti. Ad esempio, Amazon dovrà pagare il 2% dei tagli alle vendite.

L’anno scorso l’imposta britannica di Facebook è stata di 15,8 milioni di sterline su un fatturato di 1,2 miliardi di sterline, ma ha pagato solo 7,4 milioni di sterline grazie a un credito d’imposta, riporta il Mirror.

Graziella Giangiulio