RDC. Ebola potrebbe arrivare a Kinshasa

68

La Repubblica Democratica del Congo ha lanciato un programma di vaccinazione contro l’Ebola per fermare un nuovo focolaio diffuso della malattia. Più di 4.000 dosi di vaccino sono state spedite alla grande città portuale di Mbandaka, dove sono stati confermati tre casi del virus dalle scorse settimane e altri due sospetti sono stati rinvenuti. Sarebbero, inoltre, in arrivo grandi quantità di vaccino.

Da aprile nella zona nordoccidentale della Rdc sono stati segnalati ventisei decessi connessi all’Ebola e una serie di casi sospetti, riporta VoA. «I precedenti focolai hanno dimostrato l’importanza di una risposta rapida e dotata di risorse adeguate per salvare vite umane, ma anche per prevenire un aumento esponenziale del costo economico di una risposta», ha dichiarato il portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tarik Jasarevic.

Squadre dell’Oms, dell’Unicef, della Federazione internazionale della Croce Rossa e di Medici Senza Frontiere, Msf, sono state dispiegate sul luogo dell’epidemia, nel territorio di Bikoro. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e i funzionari sanitari congolesi si stanno adoperando per impedire che l’epidemia scenda dal fiume Mbandaka per arrivare a Kinshasa, dove vivono 10 milioni di persone. Il presidente Joseph Kabila e il suo gabinetto hanno aumentato i fondi per gli interventi di emergenza di Ebola portandoli a oltre 4 milioni di dollari. 

L’ultimo focolaio scoperto di Ebola è il nono nella Repubblica Democratica del Congo dagli anni Settanta. Un’epidemia del 2013 in Africa occidentale è durata più di due anni e ha causato la morte di oltre 11.300 persone. La maggior parte delle vittime viveva in Guinea, Liberia e Sierra Leone, mentre altri casi erano sparsi in diverse aree del globo, perfino agli Stati Uniti.

L’Ebola causa sanguinamento interno, vomito e diarrea ed è diffusa attraverso il contatto diretto con i liquidi corporei della vittima. Non esiste un trattamento specifico. Un’epidemia che esplodesse in un’area urbana densamente popolata potrebbe essere catastrofica, dicono gli esperti.

Maddalena Ingrao