RDC. È astronomica la crisi nel Kasai

49

Le Nazioni Unite dovrebbero aggiungere uno stanziamento di 64,5 milioni di dollari per fornire assistenza di emergenza nei prossimi sei mesi per centinaia di migliaia di persone nel Kasai, Lomami e Sankuru, zone della Repubblica Democratica del Congo.

Le Nazioni Unite riferiscono che più di 1 milione di persone sono state sfollate da quando le violenze sono scoppiate nell’agosto 2016, quando i soldati governativi hanno ucciso un leader tribale locale nella provincia di Kasai. Negli ultimi otto mesi, la violenza tra milizie e forze governative si è intensificata e si è ampliata alle province di Lomami e Sankuru.

Il portavoce dell’U.N. Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari, Ocha, Jens Laerke, ha detto che: «La violenza che ha causato lo spostamento ha già portato a migliaia di uccisioni di civili nelle oramai centinaia di violazioni dei diritti umani registrate, tra cui la scoperta di fosse comuni, e ha severamente  colpito la vita delle persone e l’educazione di migliaia di bambini (…) ha anche aggravato i rischi di malnutrizione e epidemie in una regione già nota per gli elevati tassi di malnutrizione e per un sistema sanitario debole».

Laerke ha dichiarato che il richiamo allo stanziamento è tra le priorità del piano di risposta umanitaria che prevede lo stanziamento di 750 milioni di dollari per la Rdc. Laerke ha poi detto, riporta Voa, che i soldi supplementari sono necessari per far fronte alle esigenze umanitarie descritte come astronomiche.

«Gestire 1 milione di sfollati è davvero complesso», ha detto Laerke, «sappiamo che viene colpito ogni aspetto della vita, inclusa la capacità delle famiglie di accedere al cibo e di ottenere l’alimentazione per i bambini che hanno bisogno. È davvero una esigenza molto acuta».

Laerke ha dichiarato che la crisi peggiora le tensioni preesistenti tra le comunità e i gruppi etnici e ha anche spinto decine di migliaia di persone a cercare rifugio nel vicino Angola.

Tommaso dal Passo