RD Congo: truppe angolane sconfinano

47

RD CONGO- Brazzaville. 29/10/13. L’opposizione chiede l’organizzazione di un dibattito nazionale sui rapporti tra Congo e Angola.

L’Unione panafricana per la democrazia sociale (partito di opposizione UPADS) ha chiesto al governo congolese organizzare un dibattito nazionale sui rapporti tra Congo e Angola, favorendo un approccio diplomatico per risolvere la controversia di confine, si legge in una nota del partito del 25 ottobre.
 Questa applicazione è motivata dalle recenti incursioni di truppe angolane sul territorio congolese al Kimongo, Distretto frontiere, nel dipartimento di Nial nel sud-ovest del Congo.

Brazzaville ha sostenuto e partecipato alla guerra di liberazione di Angola per la sua indipendenza, dice la nota. UPADS esprime così indignazione per tutta l’arroganza di un paese fraterno che si impegna in raid deliberate volte a interrompere le relazioni storiche di convivenza pacifica tra i due stati.
Il partito del presidente condanna questo approccio alla risoluzione dei problemi. Vista anche la natura dei rapporti che il presidente congolese, ‘ garante della integrità nazionale ‘, Denis Sassou Nguesso, ha con l’omologo angolano. Due mesi dopo la celebrazione dell’indipendenza del Congo, dice la nota, la sovranità congolese è stata minata dall’occupazione umiliante di una parte del suo territorio e rimozione di 55 elementi delle forze congolesi dall’Angola.
UPADS nella nota riferisce: «vista la gravità della situazione insistiamo per conoscere i motivi precisi che hanno spinto un distaccamento angolano militare, armato pesantemente, di attraversare il confine con il Congo occupare per alcuni giorno quasi cinque villaggi adiacenti al quartiere centro Kimongo.
Si segnala che le aree occupate sono al confine con l’enclave di Cabinda. Luanda sospetta ribelli del Fronte di Liberazione di Cabinda (Flec) che cercano un luogo la loro base a sud. Nel 2000, il Congo, l’Angola e la Repubblica Democratica del Congo hanno firmato un patto di non aggressione. Nel 1997, le truppe angolane hanno aiutato il presidente congolese Denis Sassou Nguesso nella sua conquista del potere, partecipando attivamente alla guerra civile tra i sostenitori del presidente deposto Pascal Lissouba e quelli della attuale capo dello stato congolese