Rating, nuove regole in Russia

66

RUSSIA – Mosca. 10/02/15. Alla Duma di Stato, presentata da Natalia Burykina (“Russia Unita”) la legge “Sulla attività delle agenzie di rating nella Federazione russa”.

Il disegno di legge stabilisce la base giuridica di entrambe le agenzie di rating nazionali e stranieri per valutare il merito di credito delle persone giuridiche e degli enti di diritto pubblico, i loro obblighi finanziari e strumenti finanziari, nonché i poteri della Banca Centrale della Federazione Russa. Il disegno di legge stabilisce i concetti di base di attività di rating e le condizioni per la sua attuazione. Le agenzie di rating potrebbero essere soggetti giuridici russi e le persone giuridiche straniere con unità separate nel territorio della Federazione russa, adeguamento alle nuove norme entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge. Le agenzie di rating dovranno sottoporsi ad una procedura di accreditamento presso la Banca Centrale, così come pagare una tassa, come stabilito del governo russo. Le agenzie di rating opereranno secondo le stesse regole, che comprendono i requisiti di indipendenza, il conflitto di interessi, la trasparenza e la revisione della metodologia, il comitato di valutazione e la divulgazione delle agenzie di rating. «Come risultato dell’introduzione di requisiti standard delle agenzie di rating dovrebbe essere compensato da una consolidata esperienza nel corso degli anni, la divisione delle agenzie di rating sia in campo internazionale che nazionale», – ha detto il proponente della norma.
L’agenzia di rating pubblica dovrà redigere una relazione annuale sulla trasparenza. Esso dovrebbe includere le seguenti informazioni: informazioni sugli assetti proprietari dell’agenzia di rating e i proprietari finali dell’agenzia di rating; descrizione dei principi e il funzionamento del controllo interno, e altre informazioni.
Il disegno di legge introduce un unico meccanismo di controllo e di sorveglianza delle agenzie di rating – poteri costituiti della Banca di Russia per l’approvazione della procedura e l’attuazione di accreditamento delle agenzie di rating e la conduzione della loro registrazione, controllo, la direzione dei requisiti e l’applicazione di altre misure di esposizione. Alle agenzie di rating accreditate sono concessi il diritto di utilizzare sia la scala di rating internazionale e nazionale. Allo stesso tempo, le agenzie di rating accreditate non hanno il diritto di rifiutare l’assegnazione dei rating e revocare i rating assegnati sulla base e (o) le decisioni delle autorità di paesi stranieri e di altri enti di diritto pubblico internazionale. «Questo approccio è volto a rafforzare l’indipendenza del sistema finanziario russo da unilaterali decisioni politicamente motivati ​​di paesi stranieri, mantenendo i vantaggi della sua integrazione nell’architettura finanziaria internazionale» ha detto l’autore del disegno di legge. L’interessato ha diritto di presentare un motivato ricorso se non ritiene l’assegnazione di rating assegnato in linea con le sue valutazioni e se ci sono nuove informazioni che potrebbero influenzare il rating di credito. Il disegno di legge introduce una procedura per il riconoscimento delle agenzie di rating stabilite in paesi stranieri, il che suggerisce la possibilità di preservare la loro attività sul territorio della Federazione Russa, a determinate condizioni. La Banca Centrale ha deciso l’equivalenza della regolamentazione giuridica di un paese straniero e ha firmato un accordo di cooperazione con l’autorità competente di uno Stato straniero. Inoltre, il disegno di legge stabilisce una procedura per il riconoscimento dei rating assegnati dalle agenzie di rating registrate al di fuori della Federazione russa. «L’istituzione del quadro legislativo regolamentazione, il controllo e la sorveglianza delle agenzie di rating consolida i requisiti uniformi per le agenzie di rating del credito per migliorare la qualità dei rating assegnati da loro, così come aumentare la stabilità sistemica del mercato finanziario della Federazione russa agli avversi rischi politici economici e internazionali» ha detto il capo del comitato Duma di Stato.