Raqqa, capitale dello Stato Islamico

43

STATO ISLAMICO – Raqqa. 09/05/15. Lo Stato Islamico per un pubblico occidentale, a suo dire, troppo fuorviato da informazioni “false” ha deciso di compilare un report dettagliato sulla capitale dello Stato, la vita, l’organizzazione pubblica. Un altro modo per dare vita alla propaganda e per attestate la funzionalità dello Stato non riconosciuto dall’Occidente. A seguire riportiamo tradotti alcuni brani riportati via social. 

«La Wilayat di Raqqa situata a nord dello Sham, si estende su una superficie di 21 mila chilometri quadrati, sulle rive del fiume Eufrate, situata al centro degli Stati del Califfato in Siria, confina a ovest con Wilayat Hallab (Aleppo), a est da Wilayat Barakah, e a sud da Wilayat Al Khayr». Il numero stimato della popolazione è di circa due milioni di persone, «triplicato dopo il controllo dei Mujahideen dello Stato Islamico», molti sono immigrati dal Dar al-Kufr (paesi occidentali non musulmani) o dal Dar al-Islam (paesi musulmani).
«L’economia della Wilayat Raqqa dipende principalmente dall’agricoltura grazie a un sistema di irrigazione che prende l’acqua dal fiume Eufrate». Nella scheda divisa in sezioni si parte dalla storia: «La Città Raqqa fu fondata nel 335 dall’immigrazione in epoca bizantina ed è stato chiamata in principio, “Kallinikos”, ed è diventata un importante centro economico e militare durante il Califfato di Abu Bakr Asidiq (che Allah sia soddisfatto di lui). Raqqa fu tra le città che è stata più conquistata dagli eserciti islamici, sottoposta al dominio dei Califfi e dei califfi Omayyadi, fino a raggiungere la sua epoca d’oro nell’era della abbaside sotto il califfo Harun al-Rashid, che ha voluto fare di Raqqa la capitale del Califfato, il centro culturale e scientifico. Poi è arrivata l’invasione dei Mongoli che ha sfollato e massacrato persone. […] All’inizio dell’anno 1380AH Raqqa è tornata alla vita fino a raggiungere a quello che è oggi. Il secondo capitolo si intitola prosperità: «Dopo anni di sofferenza ingiustizie dal Nusayris (sciiti) e loro associati, Lo Stato islamico non aveva altra scelta, che inviare aiuto e assistere i suoi fratelli e sorelle in Syria». Con la dichiarazione del Califfato e il giuramento di fedeltà allo sceicco Abu Bakr al-Baghdadi al-Husseini al-Qurashi (che Allah lo protegga) – Il califfo dei musulmani e il Comandante dei Fedeli -, Wilayat Raqqa è diventata la roccaforte dei Mujahideen e una delizia agli occhi dei musulmani».

Lo stato è diviso in quattro settori principali: «Il settore metropolitano, Il settore orientale, Il settore occidentale, Il Settore nord». Il settore metropolitano: «È il centro della Wilayah, e più densamente popolato tra i settori. Il fiume Eufrate passa attraverso di essa, in essa sono un certo numero di mercati tra i quali Il mercato Quwatli che è uno dei mercati più antichi, e Tel Abyad – la strada più affollata della Wilayah. Tra i monumenti più importanti in questo settore sono La Porta di Baghdad, all’interno delle mura dell’antica Rafiqa (Raqqa) sia reperti archeologici risalenti a centinaia di anni e il Ponte di Rasheed». Settore occidentale: «Tra le città più importanti e le regioni che compongono questo settore vi sono Tabqa city, zona Mansurah, Al-Jarniya e Al-Yamama. La principale fonte di energia elettrica è quella della diga dell’Eufrate e diga Rasheed. Questo settore dipende dall’agricoltura irrigua dal fiume Eufrate, famosa anche per il suo bellissimo paesaggio e vista panoramica del lago. Tra i luoghi interessanti sono Antico Castello Ja’bar che si trova nel lago di dell’Eufrate ed antichità Rusafa Castle». Settore nord: «È il settore più esteso nel Wilayah, in essa le persone sono attive con la pastorizia e l’agricoltura. Al suo interno vi è la zona di Tel Abyad, Sharkrak, Hazimah, Saluk e Ain Issa». L’esercito della Wilayah: «Si compone di diversi battaglioni comprendenti migliaia di mujaheddin provenienti da diverse discipline militari, assegnato per attaccare il nemico e la difesa dello Stato. Allah ha benedetto e consentito l’esercito del wilayah nei mesi precedenti di catturare e controllare molti roccaforti dell’esercito Nudayri, tra cui la divisione 17, Brigata 93 e Tabqa Aeroporto Militare e ha permesso loro in seguito ad espellere il PKK “apostata” nelle aree settentrionali»..

Le linee del fronte del Wilayah: «Si tratta di circa 100 km di confine. 1) Il Ayn Al-Islam Frontline; 2) Frontline contro gli eserciti Nusayri nel sud della wilayah 3) Frontline nel nord-est della Wilayah contro il PKK»
Amministrazione e Burocrazia: «Questo riguarda l’organizzazione di questioni amministrative, con uffici sparsi in tutte le città e villaggi della Wilayah. Tra i Dipartimenti sono: Le Tribù & Public Relations Department». Un dipartimento adibito alla risoluzione dei conflitti che nascono tra le tribù o tra le tribù e lo Stato Islamico. Dipartimento servizi pubblici: «Questo dipartimento è responsabile di tutti i tipi di servizi pubblici nel Wilayah. Tra loro ci sono: la consegna di acqua nelle case musulmane, la riparazione delle reti elettriche e le opere di manutenzione stradale, come pavimentazione e la decorazione di strade nella Wilayah». Il dipartimento di polizia. «Il Dipartimento di Polizia fornisce la sicurezza in tutto lo stato, attraverso la creazione di posti di blocco e svolge giorno e notte pattuglie, da la caccia ai ladri e risolve le controversie semplici. Esso comprende anche la polizia stradale che regola il traffico, e effettuare esami di guida in maniera regolare». Dipartimento Agricoltura e Irrigazione :«Questo reparto supervisiona il lavoro dei mulini, forni, ecc.. Compra anche il grano dai contadini e distribuisce la farina al forno, al fine di fornire materie prime per la cottura. Questo dipartimento supervisiona anche il lavoro delle dighe e corsi d’acqua di irrigazione, ha istituito diversi progetti di irrigazione volti a fornire acqua per la più vasta area possibile del terreno agricolo».
Dipartimento di sicurezza pubblica. «Questo reparto è responsabile della protezione della vita dei musulmani, Allah ha benedetto e permesso ai suoi soldati di rilevare un numero di celle e spie del regime o di intelligence Nusayri (sciiti, fedeli ad Assad, o ribelli) provenienti da diversi paesi».
Dipartimento istruzione:«Questo Dipartimento è responsabile per la gestione del processo educativo in Wilayah, ha aperto più di 15 scuole che insegnano ai bambini musulmani l’educazione religiosa e le scienze profane, e ha anche aperto diversi istituti religiosi, walhamdulillah».
Dipartimento Hisbah (polizia religiosa): «È il Dipartimento che ingiunge il bene e proibisce il male del Wilayah, le persone sono incoraggiate a pregare il salah e pagare la zakat, ecc., è vietato il fumo di cannabis, furto e bere vino, ecc … e questo dipartimento comprende l’Ufficio di controllo e ispezione, questo Ufficio cerca le fonti del male, controlla i negozi che non vendano materiale danneggiato e cerca gli individui fraudolente e altri».
Dipartimento Daawah, Waqaf (donazione) e moschee. «Ai soldati del Califfato viene assegnato il compito di chiamare ad Allah con saggezza e buona predicazione le persone, per farlo sono stati dotati di tende, caravan mobili per la da’waah in cui si svolgono le lezioni e concorsi. Al reparto è anche affidata la presa in carico delle moschee e delle missioni di ammodernamento».
Il dipartimento della salute: «Questo dipartimento è responsabile della gestione di ospedali che forniscono servizi medici per i musulmani. È responsabile del rifornimento dei farmaci alle farmacie. Questo reparto ha anche stabilito Medical School».
Dipartimento di Giustizia e denuncia pubblica: «Questo dipartimento gestisce i diversi tribunali della Sharia, che risolvono controversie tra avversari e reati connessi alla giustizia civile, penale. Tra le cause da dirimere anche quelle tra i soldati del califfato e la gente comune, se c’è un problema tra loro».
Dipartimento media: «E il front office esterno del Wilayah, molto importante, a questo spetta trasmettere il corso degli eventi e tenere il passo con gli sviluppi militari e dei mezzi per fornire la copertura mediatica delle attività di altri dipartimenti governativi. Essa ha stabilito 15 punti informativi che distribuiscono materiale multimediale in luoghi diversi, lavorando per fornire varie informazioni di diversi tipi video, cartacei e pubblicare le notizie del giorno».

Il documento termina così: «Lode ad Allah, il Signore dei mondi, L’Ufficio Informazioni del Wilayat Raqqa, Assalamualaikum».