Stranieri nel mirino dei gruppi armati libici

31

LIBIA – Tripoli. 21/01/14. Dopo il rapimento dell’operaio italiano che lavorava in Libia Orientale per una impresa edile italiana, il 17 gennaio, oggi è stato confermato dalla Corea del Sud il rapimento del direttore dell’Ufficio dell’agenzia di sicurezza per la Corea Promotion Trade -Investment (KOTRA) Han Suk, domenica sera.

L’agenzia di stampa Yonhap ha confermato il rapimento. E in merito alle motivazioni del rapimento ha dichiarato: «Siamo in una situazione che richiede la nostra disponibilità per tutte le possibili eventualità, come non possiamo escludere che lo scopo del sequestro è a scopo politico effettuato da parte di terroristi». Yonhap non ha rivelato se il governo è o meno in contatto con i rapitori e non ha voluto rivelare il luogo del sequestro. A Tripoli nessuno sapeva che un funzionario del governo sud coreano era stato rapito. Il portavoce ha detto che il ministero degli Esteri sudcoreano ha riferito che quattro uomini armati hanno rapito Han Woo -Suk, quando era sulla via del ritorno a casa dopo la fine del suo lavoro. Il portavoce ha aggiunto che «l’auto è stata fermata da uomini armati che hanno rapito il funzionario» a dirlo l’autista della auto del funzionario Sud Coreano che è iracheno.  Una notizia pubblicata da Russia Today in arabo sostiene che il funzionario sia stato rapito a Tripoli. E che Han Woo -Suk si trova in Libia dal 2012.