Kirkuk aspetta la sua raffineria

56

IRAQ -Kirkuk. 12/01/15. La provincia di Kirkuk, oggi ha annunciato di aver inaugurato un impianto petrolifero, un impianto sofisticato è il terzo del suo genere per il trattamento del combustibile.

Sempre dagli uffici provinciali si apprende che verranno rimosse le stazioni di distribuzione ai civili, puntando allo stesso tempo alla costruzione di una raffineria moderna a Kirkuk. La provincia Kirkuk ha già due impianti: la prima area si trova a Rahimaoh e la seconda nel quartiere Wasti. Il governatore di Kirkuk Necmettin ha riferito a BasNews, «La stazione sarà dotata di una nuova pompa di benzina il cui prezzo sarà di mille dinari al litro e i prezzi saranno soggetti all’andamento dei prezzi di mercato», «prezzi scontati il quindicesimo giorno del mese a 700 dinari al litro invece di 800 dinari per servire la gente di Kirkuk». Tra diciotto mesi tutte le pompe di servizio prive di licenze dovranno chiudere bottega senza eccezioni. Kirkuk è tra le province che attendono prodotti raffinati, o una nuova raffineria dal 2003. Fu una promessa mai mantenuta dal governo iracheno. I progetti in essere perle nuove raffinerie irachene al momento sono quattro, della “Faust Waller” Global  e prevedono interventi a Nassiriya, capacità di 300 000 barili al giorno, e raffineria 150 mila barili al giorno di Kirkuk, oltre alla raffineria di Karbala di 140 mila barili al giorno.