QATAR. Senza visto a Doha da 80 paesi

224

Il Qatar ha annunciato che farà entrare nel paese senza visto cittadini di 80 paesi per migliorare la ripresa economica alla luce del blocco imposto dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati.

Il dipartimento del Turismo del Qatar ha annunciato che il programma intende stimolare il trasporto aereo e il turismo.

I cittadini di 80 paesi dovranno solo presentare un passaporto valido per l’ingresso nello Stato del Golfo Persico; i paesi sono stati selezionati sulla base di considerazioni di sicurezza e di economia, o per il potere d’acquisto dei loro cittadini, riporta Press Tv.

Non è stato fornito l’elenco di questi 80 paesi né la data dalla quale il progetto delle entrate senza visti sarebbe iniziato. I giornali del Qatar, tuttavia, hanno affermato che si tratta di paesi soprattutto occidentali; i cittadini di 33 paesi saranno autorizzati a rimanere per un massimo di 180 giorni e gli altri 47 per un massimo di 30 giorni; questi periodi sono rinnovabili una sola volta.

Per visitare il Qatar, da questi paesi non bisognerà più richiedere o pagare un visto. Invece, una deroga multipla sarà rilasciata gratuitamente all’entrata su presentazione di un passaporto valido con una validità minima di sei mesi e un biglietto di rientro confermato.

La Qatar Airways ha detto che sarà il beneficiario primario dello schema; il vettore qatarino prevede di estendere la sua rete a 62 nuove destinazioni. Il 3 agosto, Doha ha creato un nuovo status di residente permanente per alcuni gruppi di stranieri. Secondo le nuove regole, i bambini con madre del Qatar e padre straniero potranno trarre beneficio dal nuovo status, questa nuova figura include anche i residenti stranieri che hanno «prestato servizI al Qatar» o hanno «competenze che possono portare beneficio al paese». Quanti verranno considerati idonei per il nuovo status saranno dotati dello stesso accesso dei cittadini qatarini ai servizi pubblici. Oggi, il Qatar ha una popolazione di 2,4 milioni di persone, il 90 per cento dei quali stranieri.

Lucia Giannini