QATAR. Doha vuole lanciarsi nell’industria sportiva

97

Mentre Doha sta cercando di sviluppare nuovi mercati nel perdurante stato di crisi politica regionale, il Qatar vuole costruire un’industria sportiva da 20 miliardi di dollari entro il 2022.

Yousuf Mohamed al-Jaida, amministratore delegato del Qatar Financial Centre, Qfc, ha detto che Doha si aspettava che l’obiettivo fosse raggiunto entro tre anni. Il Qfc è un ente pubblico che mira ad attrarre investimenti nazionali e internazionali in Qatar. Jaida ha detto che ci sarebbe stata «una grande espansione degli sport in termini di obiettivi e in termini di focalizzazione».

Anche se ben noto per l’hosting di eventi sportivi, Jaida ha detto che il nuovo approccio sarebbe andato oltre. Lo sviluppo dell’industria si concentrerebbe non solo sull’hosting, ma anche su un maggiore utilizzo delle strutture mediche e di formazione sportiva del Qatar, che si ritiene siano tra le migliori al mondo.

Jaida ha aggiunto che lo stato del Golfo cercherebbe di approfittare della crescente reputazione internazionale del suo costoso centro di formazione sportiva, l’Aspire Academy.

L’Aspire è utilizzato da un numero crescente di squadre – tra cui il Bayern Munich e il Paris Saint-Germain, di proprietà del Qatar – ed è un centro da cui escono molti dei giocatori locali che hanno recentemente fatto vincere al Qatar la Coppa Asia. «Lo stiamo facendo in coordinamento con Aspire e se si guarda all’infrastruttura che hanno messo insieme è enorme, è di classe mondiale e penso che possiamo costruire sul loro successo», ha detto Jaida; secondo il quale il nuovo approccio è stato guidato dalle tensioni politiche nel Golfo: «La strategia è nata a causa della situazione geopolitica».

Dal giugno 2017, il Qatar è stato isolato dagli ex alleati vicini a causa di una pesante disputa politica. Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein accusano il Qatar di sostenere e finanziare il “terrorismo” e di lavorare con l’Iran. Doha nega le accuse e accusa i suoi rivali di cercare di cambiare regime in Qatar.

Maddalena Ingroia