QATAR. Doha non è stata invitata al vertice saudita sulla sicurezza del Golfo

31

Il Qatar non ha ricevuto l’invito a partecipare a due vertici regionali chiamati a discutere gli attacchi alle risorse petrolifere saudite all’interno del regno arabo e al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti. 

L’iraniana Press Tv riportando post Twitter del ministero degli Esteri qatarino: «Il Qatar, che è ancora isolato dai suoi vicini, non ha ricevuto l’invito a partecipare ai due vertici», citando il ministro Sultan bin Saad al-Muraikhi. Nel giugno 2017, l’Arabia Saudita ha tagliato i propri legami con Doha, con l’Egitto, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein ha seguito l’esempio di Riyadh. Il cosiddetto Quartetto ha accusato Doha di sponsorizzare il terrorismo, accusa rigettata.

Tuttavia, l’Arabia Saudita e i suoi alleati hanno pubblicato una lista di richieste in 13 punti, tra cui la chiusura di Al Jazeera e il declassamento delle relazioni con l’Iran, in cambio della normalizzazione delle relazioni diplomatiche con Doha. Anche il Qatar ha respinto queste richieste, affermando che è stato preso di mira a causa delle politiche indipendenti che ha perseguito.

Nel frattempo, un comunicato della Lega degli Stati arabi riportava il 19 maggio che il suo segretariato ha fatto circolare «l’invito rivolto da re Salman ai leader arabi di convocare un vertice arabo di emergenza alla Mecca». I leader arabi e i capi di altri paesi musulmani si riuniranno già alla fine di maggio nella città santa saudita per una riunione dell’Organizzazione per la cooperazione islamica.

Il commento del ministero degli Esteri del Qatar sui vertici è arrivato due giorni dopo che il re saudita Salman bin Abdulaziz ha proposto di tenere un vertice dei governanti arabi del Golfo Persico e una riunione più ampia di tutti i leader arabi nella città santa saudita della Mecca il 30 maggio per discutere gli attacchi della scorsa settimana con i droni sugli impianti petroliferi in Arabia Saudita e il “sabotaggio” inflitto a quattro navi, tra cui due petroliere saudite, al largo del porto Fujairah degli Emirati Arabi Uniti.

L’Iran ha definito l’attacco alle navi come “deplorevole” e “preoccupante” e ha chiesto indagini approfondite, l’Arabia Saudita ha accusato l’Iran di essere dietro gli atti di sabotaggio. Gli Emirati Arabi Uniti, alleato di Riyadh nella guerra nello Yemen, ha detto che le attuali «circostanze critiche nella regione richiedono una posizione unificata araba e persiana del Golfo».

Riyadh ha anche accusato l’Iran di aver ordinato agli Houthi di attaccare con droni il 14 maggio due stazioni saudite di pompaggio del petrolio nelle città di Dawadmi e Afif, che si trovano nella regione del Najd a ovest della capitale Riyadh. Teheran e gli Houthi hanno smentito e ribelli yemeniti hanno detto di aver fatto sì gli attacchi, ma senza eseguire nessun ordine.

Maddalena Ingroia