QATAR. Aperta la futuristica metropolitana di Doha

145

I cittadini qatarini hanno ora la loro prima linea metropolitana a Doha inaugurata il 7 maggio; si tratta di una metropolitana futuristica che costa solo 50 centesimi di euro a viaggio, un affare nell’emirato del petrolio. Alle 8.00 del mattino del 7 maggio, tredici delle diciotto stazioni della linea rossa hanno aperto le loro porte ai viaggiatori per fare un giro per la prima volta su una rete di trasporto per la quale il governo del Qatar è pronto a pagare 36 milioni di dollari.

La sua apertura, riporta Efe, è avvenuta un anno prima del previsto, in quanto si supponeva che iniziasse a funzionare nel 2020. «Testare il sistema con i passeggeri è una fase importante che ci dà l’opportunità di rivedere le prestazioni e preparare la rete», si legge in un comunicato della compagnia ferroviaria statale Qatar Rail.

Il sistema completo consisterà di 217 chilometri, che lo renderà la prima rete ferroviaria del paese. La linea rossa è impostata per essere 40 km di lunghezza una volta completata e collegherà gli stadi per la Coppa del Mondo Qatar 2022 di Al Wakrah e Lusail.

Il nuovo tratto va ad aggiungersi al precedente tratto «della linea rossa della metropolitana di Doha, da Al Qassar, nel nord, ad Al Wakrah, nel sud (…) La metropolitana di Doha è considerata uno dei pilastri più importanti del nuovo sistema di trasporto integrato del Qatar» afferma Qatar Rail.

Il Qatar sta rivoluzionando la sua rete di trasporto aprendo un modo più economico per muoversi nel paese con treni senza conducente, prodotti in Giappone, che avranno il wi fi gratuito e possono ridurre il tempo stimato di un viaggio del 50 per cento, evitando così il traffico durante le ore di punta. Con un design futuristico, sia all’interno che all’esterno, che fa sembrare le carrozze a delle navicelle spaziali, la metropolitana ridurrà l’impatto ambientale prodotto dalle automobili in Qatar.

Le stazioni ferroviarie saranno anche collegate con autobus e taxi, con prezzi più bassi, in modo che sia più facile per il passeggero arrivare a destinazione dal treno. Nei dintorni delle stazioni, ci saranno marciapiedi designati sia per i ciclisti che per i pedoni, una pietra miliare in un paese che è stato progettato per andare in auto.

La rete metropolitana avrà linee rossa, verde e oro inizialmente con 37 stazioni, per poi espandersi in futuro e comprendere una linea aggiuntiva, arrivando a 60 stazioni al termine dei lavori, cosa che dovrebbe avvenire nel 2026.

Maddalena Ingrao