Jakarta a rischio scontri

26

INDONESIA -Jakarta. 26/11/14. Migliaia di lavoratori di diverse organizzazioni sindacali hanno protestato la scorsa settimana nella capitale e nei suoi dintorni, le autorità chiedendo di rivedere il salario minimo Provinciale (UMP) in seguito alla decisione del governo centrale ad alzare carburante agevolato i prezzi di questo mese.

I lavoratori hanno organizzato manifestazioni in edifici del Parlamento nelle città di Bogor e Bekasi, West Java e nel palazzo del parlamento centrale e locali Manpower Ministero nella capitale. Centinaia di lavoratori hanno organizzato proteste in strade a pedaggio che collegano le aree industriali nel perimetro della capitale alla regione orientale che porta all’isola Java. Santoso, un leader del Labor Struggle indonesiano Federation (FPBI), ha detto che la sua organizzazione ha predisposto ulteriori piani di spingere i governi a rivedere le loro norme UMP. «Continueremo con le proteste e gli scioperi respingendo le norme UMP di Giacarta e Bekasi. Abbiamo intenzione di ampliare le nostre azioni contro il governo nel prossimo futuro», ha detto durante la protesta Santoso. Rispondendo alla protesta, ministro per il lavoro indonesiano, Hanif Dhakiri ha detto che i governi provinciali devono adeguare i loro standard UMP, sollecitando i datori di lavoro a fornire indennità relative al prezzo del carburante. «Vogliamo che (datori di lavoro) diano incentivi» ha detto Hanif da Ministero oggi. Egli ha aggiunto che il governo centrale è anche consapevole delle difficoltà incontrate dai lavoratori a seguito del rialzo dei prezzi del carburante agevolato. Ha detto che il governo sta varando un piano per migliorare le loro condizioni di vita. I sindacati hanno chiesto alle autorità di ampliare componente del salario dai 60 a 80 elementi esistenti. Hanno anche chiesto che i salari minimi della capitale siano alzati a 3,7 milioni di rupie (circa 303 dollari) al mese dal salario esistente che si attesta a 2,7 milioni di rupie (circa 207 dollari Usa) per far fronte a un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari di base e del trasporto dovuto al caro prezzi del carburante. Il Presidente Joko Widodo ha aumentato il prezzo dei prezzi dei carburanti agevolati da 2.000 rupie (circa 0,16 dollari) al litro, o il 30 per cento per ciascuno dei carburanti agevolati di benzina e gasolio a 8.500 rupie (circa 0,7 dollari) e 7.500 rupie (circa 0,6 dollari) per litro, rispettivamente.
La mossa di aumentare i prezzi dei carburanti agevolati è stato destinato a dare più spazio fiscale al governo per sviluppare il settore più produttivo, come l’istruzione, strade a pedaggio, e il settore sanitario. Il Governo indonesiano prevede di risparmiare un po’ dei 100 trilioni di rupie (circa 8,2 miliardi dollari) dai fondi inizialmente stanziati per finanziare il sussidio del combustibile l’anno prossimo.