Prossima ripresa dei voli Mosca – Il Cairo

54

di Graziella Giangiulio EGITTO – Il Cairo 28/09/2016. La Russia ha approvato l’adozione delle misure di sicurezza negli aeroporti egiziani. Adesso il Cairo si aspetta il ritorno dei turisti provenienti dalla Federazione russa fino alla fine di quest’anno, secondo quanto riporta il portale egiziano Dot Masr. Il ministro russo dei Trasporti ha confermato la preparazione di uno studio per il governo russo teso a prendere entro l’anno una decisione definitiva sul ritorno del flusso turistico in Egitto.

Secondo Ria Novosti, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha infatti rassicurato il ministro dei Trasporti della Federazione Russa Maxim Sokolov (nella foto), che il Cairo sta compiendo ogni sforzo per garantire la sicurezza dei turisti russi.

«L’Egitto ha rafforzato le misure di sicurezza negli aeroporti, cercando di garantire al massimo grado la sicurezza e la protezione dei turisti in generale e in particolare dei cittadini russi», riporta il comunicato stampa dell’ufficio presidenziale.

per il presidente egiziano Sissi, è necessario proseguire i negoziati tra Russia e Egitto, finalizzati alla ripresa dei collegamenti aerei tra i due paesi; nel documento si afferma inoltre che il ministro russo ha sottolineato che «le parti hanno fatto molta strada in questa direzione», ma che al tempo stesso rimangono «alcuni aspetti» associati sicurezza aeroportuale ancora sul tavolo.

Sokolov è in visita in Egitto a capo di una delegazione del ministero dei Trasporti russo. In precedenza, ha tenuto una riunione con il presidente dell’Egitto e il ministro egiziano dell’aviazione civile Sherif Fathy.  I voli per l’Egitto dalla Federazione Russa e il flusso di turisti sono stati sospesi dopo l,’esplosione dell’aereo russo sul Sinai alla fine di ottobre del 2015. L’indagine sul disastro aereo è ancora in corso. L’ipotesi più accreditata, riporta Ria Novosti,  è quella di un’esplosione a bordo. Va aggiunto che lo Stato Islamico ha rivendicato l’attentato contro l’aereo russo. ha detto che conditio sine qua non per la ripresa dei collegamenti è la sicurezza negli aeroporti egiziani.