Predator sarà reale?

12

REGNO UNITO – Bristol 14/06/2015. Una pelle artificiale che cambia colore, creata da un gruppo di scienziati britannici, potrà essere usata un giorno per fabbricare mimetiche elettroniche come quelle del film Predator per le operazioni di soccorso.

L’Università di Bristol, in Inghilterra e le sue controparti hanno creato una pelle artificiale che imita quella di cefalopodi capaci di rendersi invisibili, cambiando colore in un batter d’occhio. Gli scienziati, infatti, hanno sviluppato un sistema che funziona proprio come la pelle di cefalopodi, polpi, calamari e seppie. La rivista LiveScience riprova che gli scienziati sono stati capaci di imitare lo schema dei cromatori biologici, un sistema che può essere utilizzato per un rapido camuffamento che si fonde con l’ambiente circostante. Questo “abbigliamento intelligente”, infatti, può rendere invisibile chi lo indossa, proprio come l’alieno Predator nel film omonimo. Per realizzare questo compito, gli scienziati hanno creato dei “muscoli” artificiali da materiali morbidi e elastici, che possono cambiare rapidamente in dimensioni e forma in risposta a segnali elettrici. Poi, i ricercatori hanno collegato questi muscoli a dei “depositi” di colore, cioè delle macchie, ai materiali che tengono i “muscoli”. Queste macchie di tintura potrebbe espandersi o contrarsi quando i muscoli cambiato la loro dimensione e la forma, spingendo il foglio a cambiare colore. La pelle cefalopode di Bristol viene attivata dall’elettricità e non dal calore, permettendo al sistema di reagire più rapidamente e in modo più gestibile.