Brucia il petrolio libico

40

LIBIA – Bengasi. 27/12/14. Tre serbatoi di petrolio in fiamme da ieri nel terminale al-Sedra, uno dei più grandi in Libia. Il petrolio brucia dopo la ripresa dei combattimenti tra le forze governative e le milizie islamiche che stanno cercando di prendere il sito, ha detto un funzionario militare.

 

Un primo serbatoio ha preso fuoco giovedi dopo essere stato colpito da un razzo sparato da militanti di una fazione che sta cercando di conquistare i terminali petroliferi in Libia orientale, ha detto Ali Al-Hassi, portavoce guardie che proteggono questi siti petroliferi, giovedì.

Da allora, «il fuoco si è diffusa in altri due serbatoi», ha riferito ieri. Secondo un testimone, le fiamme e le spesse colonne di fumo avvolgono da ieri completamente aree di al-Ras Lanuf e Sedra, incendi che minacciano gli altri serbatoi e procurano di un disastro ecologico. Testimoni hanno detto che giovedì è scoppiato l’incendio con un colpo sparato dalla coalizione milizie Libia Fajr (alba della Libia). Mr. Al-Hassi aveva detto giovedi che le forze governative erano riuscite a respingere l’attacco della milizia, che è costato la vita a quattro soldati. Poi ieri c’era stata una appetente calma sui pozzi della Crescent Oil che comprende i terminali Al-Sedra, Ras Lanuf e Brega, i più grandi della nazione ed è il teatro da diversi giorni di scontri tra le forze governative e le milizie Fajr Libia.

Il portavoce del petrolio libico Società Nazionale, Mohamed al-Harari, ha invitato i combattenti a salvare i siti di petrolio nel paese. Secondo gli esperti, la produzione di petrolio nel paese è sceso a circa 350.000 barili al giorno, mentre ha raggiunto 800.000 b / d prima l’inizio dei combattimenti il 13 dicembre. La Libia è immersa nel caos dopo la caduta di Muammar Gheddafi dopo otto mesi di conflitto nel 2011. Consegnato milizie, il paese è diretto da due parlamenti e due governi – uno vicino a milizie islamiche e quello riconosciuto dalla comunità internazionale – entrambi sono in lizza per il potere.