Posizioni ondivaghe degli USA su Tahrir al Sham

55

In maniera regolare tornano in rete i canali ISIS cancellati dalle autorità, in report il nuovo ritorno. Un reportage fotografico, uscito nei giorni scorsi, ci presenta l’apertura degli uffici della Hizbah nel wilayat di Raqqa. Non sappiamo quando questo reportage sia stato realizzato, ma, data la situazione in teatro in questo periodo, è lecito pensare che sia stato realizzato in un momento precedente. Da notare che nelle foto in cui si mostrano i registri, nomi e altri dati sono stati sfumati, un accorgimento che in precedenza non avveniva utilizzato. Intensi combattimenti si sono svolti a sud della prigione di Mosul, le forze irachene sono finite sotto il fuoco di Daesh; un elicottero iracheno è stato costretto ad un atterraggio d’emergenza nel mezzo degli scontri. Operazioni del Califfato anche nel distretto di Amil, zona sud ovest di Mosul. Nella zona sud e sud ovest di Mosul, sono avvenute nuove azioni, un take ci informa della distruzione di 3 veicoli iracheni e dell’uccisione di 23 uomini; una “operazione di martirio” nella zona dell’incrocio a ovest di Mosul ha distrutto 10 hummer iracheni, totale poi salito a 14. Una simile progressione nell’utilizzo di attacchi suicidi è servita a rallentare l’avanzata ed a fare attestare le forze Daesh nell’area.

Segnalate, inoltre, operazioni di cecchinaggio nella zona di al Dawasa.
Le forze irachene attaccano la città vecchia di Mosul da tre fronti, tra cui anche da Bab al Tub; per Daesh, la coalizione internazionale bombarda con bombe al fosforo.
Nel Sinjar, segnalate ancora scintille tra i diversi gruppi curdi presenti all’interno della coalizione, un conflitto che se esplodesse manderebbe in frantumi ampi settori operativi della coalizione creando, non pochi problemi di gestione delle operazioni.
L’inviato delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan De Mistura, ha dichiarato che non si possono tenere elezioni in Siria con l’attuale governo e situazione politica deve essere risolta nei dialoghi di Ginevra. Il Dipartimento di Stato americano., nei giorni scorsi, ha deciso di non riconoscere Ahrar al Sham e Jaish al Islam come organizzazioni terroristiche. Successivamente, ha dichiarato che Tahrir al Sham e i gruppi affiliati sono organizzazioni terroristiche.
Sono proseguiti i combattimenti sul fronte nord nella zona rurale di Hama: elicotteri del governo siriano e russi hanno attaccato la zona del perimetro dell’aeroporto e dei silos di Palmira con scontri che continuano a est e sud dell’aeroporto.
Sono stati circa 80 i bombardamenti russi su Mskanah, zona est di Aleppo; denunciati diversi casi di stupro di donne da parte di soldati del regime nella zona a est di Aleppo.
Molto attiva la zona di Raqqa. Le SDF a guida curda hanno conquistato diversi villaggi sull’Eufrate vicino Jazra al confine tra la provincia di Raqqa e Deir Ez Zor; hanno conquistato il Monte Munkhar a est di Raqqa dove hanno trovato una serie di tunnel e cunicoli nelle alture usati da Daesh per entrare e uscire da Raqqa.

Redazione

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico.
È possibile acquistare il libro su Tabook.it