Primi rifugiati in Polonia

65

POLONIA – Varsavia 03/02/2016. I primi 100 profughi, 65 provenienti dalla Grecia e 35 dall’Italia, stanno per arrivare in Polonia e, una volta terminate le procedure saranno ospitati preso il centro di Dębak, Varsavia.

L’obiettivo prefissato della Polonia entro due anni, riporta polskieradio.pl, è quello di ospitare circa 7000 persone, con un massimo di 400 entro la fine dell’anno. La Polonia ha dato la disponibilità ad accettare i primi 100 persone, ma non è ancora noto esattamente quanti di loro in ultima analisi, decideranno di dirigersi verso il paese. Si tratta di cittadini siriani, iracheni, eritrei e yemeniti, in primo luogo seguito dalle famiglie; per gli eritrei, una dozzina di persone provenienti dall’Italia, si tratta di uomini non accompagnati. Dopo il loro trasporto secondo gli standard dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e in collaborazione con le autorità di Grecia e Italia, e le formalità di rito, verranno accompagnati al centro per stranieri di Podkowa Forest-Dębak nei pressi di Varsavia. Durante il loro soggiorno frequenteranno corsi di lingua polacca, laboratori di orientamento culturale, e bambini andranno a scuola. Dopo aver ottenuto lo status di rifugiato o la protezione sussidiaria, ogni persona sarà in grado di partecipare ai singoli programmi di integrazione esistenti in Polonia. Questi programmi prevedono, tra l’altro, il sostegno finanziario e l’assistenza di un operatore sociale per un anno.