POLONIA. Più soldi per tutti, promette Kaczynski

65

Il partito polacco al potere Prawo i Sprawiedliwość (PiS, Diritto e Giustizia) offrirà ai pensionati regolari bonus annuali in denaro e quasi il doppio del salario minimo per i lavoratori, ha dichiarato il suo leader Jaroslaw Kaczynski prima delle elezioni parlamentari del mese prossimo. «Alla fine del 2020 il salario minimo sarà di 3.000 zloty, alla fine del 2023 sarà di 4.000 zloty», ha detto Kaczynski al congresso del suo partito. Attualmente il salario minimo è di 2.250 zloty al mese. «Nel 2021 la maggior parte dei pensionati riceveranno la “tredicesima”» ha aggiunto Kaczynski. Quest’anno ai pensionati è stato pagato un cosiddetto tredicesimo pagamento, riporta Reuters.

In precedenza Kaczynski, che non ha un incarico governativo formale, ma è visto come il leader di fatto della Polonia, in un’intervista con il tabloid Super Express ha detto che si aspetta che Mateusz Morawiecki rimanga come primo ministro se il PiS vincesse il 13 ottobre. Il PiS, che è leader nei sondaggi d’opinione, si trova ad affrontare una dura campagna elettorale, in quanto la sua immagine di partito che lotta per la giustizia in Polonia è stata offuscata dagli scandali politici. Il presidente del parlamento, suo membro, si è dimesso dopo che i media polacchi hanno rivelato che aveva usato un jet governativo per viaggi privati con la sua famiglia. E il vice ministro della giustizia polacco si è dimesso dopo aver cercato di screditare i giudici che criticavano le riforme giudiziarie del governo, mettendo in giro voci sulla loro vita privata.

In questo contesto, il PiS, che mira alla maggioranza nel nuovo parlamento, ha deciso di aumentare le donazioni agli elettori, in particolare al suo principale elettorato, compresi gli anziani che quest’anno hanno ricevuto un bonus una tantum in denaro. Questo bonus per i pensionati, offerto in vista delle elezioni del Parlamento europeo, è costato allo Stato polacco quasi 11 miliardi di zloty.

Il PiS, poi, ha vinto 26 seggi e l’opposizione anti-PiS 25 nelle elezioni per selezionare i membri del Parlamento europeo. I sondaggi mostrano che i polacchi rimangono una nazione molto favorevole all’Ue. L’ultimo sondaggio d’opinione mostra che Diritto e Giustizia potrebbe vincere circa il 43% dei voti nelle elezioni generali del prossimo mese, mentre altri partiti messi insieme potrebbero ottenere il 41%. A causa del sistema di voto della Polonia, questo potrebbe significare una maggioranza sicura per PiS.

Nonostante gli scandali interni e i problemi con l’Unione Europea per lo stato di diritto, la politica ambientale, e i migranti, il PiS ha mantenuto la sua popolarità, grazie soprattutto ad un programma sociale che include un bonus di 500 zloty per ogni bambino che nasce in una famiglia. Il PiS ha anche promesso genericamente che avrebbe aumentato i pagamenti per gli agricoltori e un aumento della pensione minima a 1.200 da 1.100 zloty.

Graziella Giangiulio