Pyongyang: esecuzione per lo zio del leader

87

COREA DEL NORD – Pyongyang. 13/12/13. Il  tribunale militare della Corea del Nord ha condannato Jang Sung Teck, marito della zia del leader nordcoreano Kim Jong-un a morte, l’esecuzione è stata immediata.

L’AIEA ha confermato che la notizia viene dalla National Security Agency.  La Corea del Nord ha tenuto un’udienza militare ieri e ha condannato Jang a morte per tradimento ai sensi dell’articolo 60 del codice penale. Ciò è avvenuto quattro giorni dopo l’arresto di Jang nel corso della riunione allargata del Dipartimento Affari Politici del Partito dei lavoratori del Nord Corea, svoltosi l’8 dicembre. L’agenzia ha detto che Jang vendeva le risorse dello stato a prezzi bassi e stava  formano un gruppo «Per rovesciare la leadership del partito e del sistema socialista», e che nel tentativo di «prendere il potere supremo nel partito e dello Stato» fosse coinvolto Il Jang, marito della zia del premier Kim Jong-un, vice presidente della Commissione nazionale di Difesa, definito come la figura più potente in Corea del Nord dopo il leader del paese. Una riunione d’emergenza dei ministri a Seoul, della Corea del Sud e Pechino considerano l’esecuzione di Jang un affare interno alla Corea del Nord. L’agenzia di stampa “Yonhap” citando un funzionario della Corea del Sud presso l’ufficio presidenziale della Corea del Sud ha chiesto di convocare una riunione dei ministri d’urgenza oggi per discutere della situazione in Corea del Nord dopo la dichiarazione di Pyongyang sull’attuazione della pena di morte Jang. Il funzionario ha detto ai giornalisti che il consigliere presidenziale per gli affari di sicurezza, Kim Jang-soo presiederà la riunione assegnato per “analisi, previsioni e conseguenze” per quanto riguarda la situazione in Corea del Nord. Da parte sua, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hong Lei Zhang sostiene che l’esecuzione è un affare interno alla Corea del Nord.