PETROLIO. Sopra i 58 dollari per la prima volta dal 2015

37

di Lucia Giannini ITALIA – Roma 05/01/2017. Il prezzo del Brent ha superato la soglia dei 58 dollari a barile, raggiungendo il livello più alto dal luglio 2015. Il Wti è andato appena al di sotto dei 55 dollari al barile. Secondo quanto riporta Sputnik, i tagli concentrati alla produzione dei paesi Opec e non Opec rally si presenta come l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) Stati membri e 11 principali paesi petroliferi non cartello produzione, compresa la Russia e il Messico, comincia a frenare in uscita nel tentativo di stabilizzare il mercato del petrolio. I tagli alla produzione, concordato a fine novembre dall’OPEC e concluse nel dicembre da alcuni grandi produttori non-cartelli, calci il 1 ° gennaio i membri dell’OPEC hanno promesso di rispettare su base volontaria da parte del soffitto della produzione di 32,5 milioni di barili al giorno, che è stato concordato preliminare ad Algeri nel mese di settembre. Si tratta di un barile da 1,2 milioni al taglio della produzione giorno. La Russia ha accettato di ridurre la sua produzione da 300.000 barili al giorno, mentre il Messico, l’Azerbaigian e il Kazakistan stanno riducendo la produzione di petrolio da 100.000, 35.000 e 20.000 barili al giorno, rispettivamente. Il non-OPEC impegno collettivo è un 558.000 barili al giorno di taglio.

Il provvedimento, che era in discussione da oltre un anno prima implementato, si prevede di limitare l’eccesso di fornitura mondiale di petrolio e portare i prezzi del petrolio al livello di $ 55-60 al barile nel 2017, rispetto al 2016 la media di $ 34 dollari al barile.

Settore petrolifero turbolenze dei prezzi del petrolio causati per immergersi da 115 $ al barile nel mese di giugno 2014 per meno di $ 30 al barile nel mese di gennaio 2016, causando disagio per gli esportatori di petrolio. I prezzi hanno parzialmente recuperato e oscillato a circa $ 50-55 al barile prima della manifestazione di Martedì.