PETROLIO. Prezzi sotto i 10 dollari e crisi geopolitica USA

228

Il duplice impatto della peggiore pandemia sanitaria globale degli ultimi cento anni e lo stallo della guerra dei prezzi tra i principali produttori mondiali di petrolio, l’Arabia Saudita e la Russia, ha portato i prezzi del petrolio a livelli record che potrebbero presto scendere a una sola cifra. Il 30 marzo, i prezzi sia per il greggio Brent che per il West Texas Intermediate sono scesi a livelli che non si vedevano dal 2002. Il Brent era scambiato a circa 23 dollari al barile, mentre il Wti è sceso brevemente al di sotto del punto di prezzo psicologicamente importante di 20 dollari al barile.

Nell’arco di 24 ore dalle contrattazioni, i prezzi si sono leggermente ripresi, con il Brent in rialzo di 38 centesimi al barile e il Wti in rialzo di 79 centesimi, ma si prevedono ulteriori cali prima di sostanziali rialzi. I prezzi del petrolio a una sola cifra di dollaro, che non si vedevano da decenni, sembrano ora una possibilità di mercato distinta, riporta Asia Times.

I prezzi del Brent e del WTI sono crollati di oltre il 50% nelle ultime due settimane, grazie al doppio colpo della pandemia e del scontro Riyadh-Mosca rispetto ai livelli di produzione petrolifera. Questa tendenza non si vedeva da decenni, con prezzi in calo di oltre il 65% dall’inizio dell’anno. 

Le cause del calo dei prezzi del petrolio sono l’eccesso di produzione, la distruzione della domanda e il corrispondente accumulo di scorte. L’impatto economico della pandemia di covid19 e i suoi effetti sulla futura domanda di petrolio sono previsti in vari modi, per non dire altro. Circa 16 milioni di barili al giorno di domanda di petrolio andranno persi in aprile, mentre le catene di approvvigionamento petrolifero si stanno spezzando a causa di perdite incredibilmente grandi nella domanda di petrolio, e le possibili alternative per gli aggiustamenti della catena di approvvigionamento potrebbero avvenire nei mesi di aprile e maggio.

Tuttavia, mentre il problema della distruzione della domanda di petrolio dovuta alla pandemia di covid19 richiederà probabilmente mesi o anche di più, l’impatto della guerra dei prezzi del petrolio tra Riyadh e Mosca si farà sentire più di quanto originariamente previsto.

Tuttavia, la questione è oggi una sola: chi sarà colpito più duramente? Come abbiamo già detto in precedenza lo scisto americano e gli altri produttori di petrolio.

La produzione statunitense di circa 13 milioni di bpd all’inizio dell’anno potrebbe scendere al di sotto dell’Arabia Saudita o della Russia entro la fine dell’anno, dicono diverse società di analisi del settore Oil&gas, riprese da Asia Times. Le implicazioni per gli Stati Uniti prevedono una recessione economica nel settore energetico del paese con un effetto a catena sull’intera economia, fino a massicci licenziamenti dell’industria petrolifera e così via in un perverso domino. Su scala geopolitica, ciò significherà anche una perdita del potere geopolitico recentemente recuperato di cui gli Stati Uniti hanno goduto dall’aumento della produzione di petrolio. 

Da qui gli appelli Usa a Russia e Arabia Saudita per far finire la guerra sul prezzo del petrolio. 

Graziella Giangiulio