Oman, bilancio in rosso per il 2015

54

OMAN – Muscat. 03/01/15. Il Ministero delle Finanze di Oman ha pubblicato il bilancio dello Stato per il 2015. Aumenta la spesa a costo di un grande disavanzo previsto a causa del crollo dei prezzi del petrolio. Tutti i paesi in cui il bilancio dipende dal petrolio nel 2015 rischiano uan grossa frenata e i piùpiccoli rischiano il tracollo. 

La spesa pubblica quest’anno è stimata a 14,1 miliardi di rial (36,6 miliardi dollari), in crescita del 4,5 per cento dal piano originale dello scorso anno, ha detto il ministero. I ricavi sono proiettati a 11,6 miliardi di rial, giù 1 per cento, lasciando un deficit previsto di 2,5 miliardi di rial, pari a circa l’8 per cento del prodotto interno lordo annuo di Oman. Il ministero ha detto che l’Oman sta studiando diversi modi per affrontare l’aumento del deficit. Le sovvenzioni da donatori stranieri potrebbero fornire 200 milioni di rial, prestiti internazionali 200 milioni, prendendo a prestito dal mercato locale 400 milioni, riserva statale finanzia 700 milioni, e le eccedenze degli anni precedenti 1 miliardo di rial. Le finanze pubbliche di tutti i paesi esportatori di petrolio del Golfo sono stati colpiti dal dimezzamento del prezzo del greggio negli ultimi sei mesi, petrolio che al Brent è quotato a circa 57 dollari al barile. Ma le risorse petrolifere di Oman non sono così ampie come quelle dei suoi vicini più grandi e non ha costruito enormi riserve fiscali, quindi è più vulnerabile. Il governo ha speso molto per costruire progetti industriali e di infrastrutture per diversificare l’economia dall’unica fonte, il petrolio. Non solo, la spesa sociale è aumentata notevolmente per mantenere la stabilità, dopo il 2011 della primavera araba rivolta altrove nella regione. E sembra aver deciso che non può tagliare entrambe le forme di spesa nettamente. Il comunicato del ministero non ha specificato il prezzo del petrolio ipotizzato nei calcoli di bilancio, e una conferenza regolare notizia annuale dal Ministro degli Affari finanziari Darwish Al Balushi per discutere il bilancio è stato annullato senza spiegazioni il primo dell’anno. La dichiarazione del ministero non spiega come si potrebbe limitare calo dei ricavi per l’1 per cento, se i prezzi del petrolio rimangono a 60 dollari al barile; visto che ancora il petrolio rappresenta il 4 quinti del totale dei ricavi. A novembre un organo consultivo del governo ha suggerito spazzare tagli di spesa e aumentare le tasse, tra cui un prelievo sulle esportazioni di gas naturale liquefatto, una royalty sui ricavi degli operatori di telecomunicazioni, e un aumento delle royalties pagate per lo sfruttamento di minerali. Il ministero non ha detto se sono tate o no prese decisioni in tal senso. Il mese scorso, le imprese di cemento dell’Oman hanno detto che il governo dovrebbe raddoppiare le spese di gas naturale che pagano. Una proposta di tassare le rimesse dei lavoratori stranieri è stata respinta, fonte media locali. Nell’aria ci sarebbe anchela  privatizzazione da adottare entro tre anni, senza spiegare però come e in che modo. «A causa di bassi prezzi del petrolio, è stato necessario apportare alcune misure temporanee per mantenere la stabilità finanziaria. Tali misure non incideranno la gente comune, le loro condizioni di vita e di lavoro», ha detto il Ministro. La spesa pubblica effettiva nel 2014 è stato di circa 14,5 miliardi di rial, superiore al piano di bilancio iniziale a causa dei “costi supplementari non previsti”, ha detto il ministero. I ricavi effettivi nel 2014 erano 13,9 miliardi di rial, in gran parte a causa del prezzo del petrolio stimato a 85 dollari per tale anno.