Libia: Crescent Oil nel mirino di IS

65

LIBIA – Misurata. 15/12/14. Sventato attacco a sorpresa, sabato notte, da parte di militanti dell’alba della Libia, affiliati a IS. L’obiettivo era entrare a Misurata e conquistare i pozzi petroliferi. Misurata è una delle città più ricche di petrolio della Libia.

A darne notizia, Saqr Jeroshi numero uno della Air Force comandante delle forze leali alla brigata in pensione Khalifa Belqasim Haftar, che ha aggiunto che l’aviazione ha effettuato un operazione, a est di Sirte “con precisione e il successo”, colpendo molti mezzi utilizzati dalle milizie l’Alba della Libia. «I jet ed elicotteri dell’aeronautica libiche hanno fatto irruzione mentre le truppe avanzarono verso il porto commerciale di Sidra attraverso la strada costiera in aggiunta a mezzi che si muovevano da una strada del deserto verso un’altra città, Taqrvat».
Il capo del servizio di Guardia impianti petroliferi nella zona dei pozzi petroliferi della Crescent, Ibrahim Jadhran ha detto che gli scontri sono ancora in corso con alcune sacche di resistenza a queste code che stanno cercando di progredire verso la regione. L’Ufficio Informazioni dell’alba Libia aveva annunciato all’inizio di Sabato a partire dalle operazioni militari all’alba Libia per liberare i porti e giacimenti petroliferi. Nel frattempo, un militante dei gruppi armati nella città di Derna in parte orientale della Libia ha annunciato venerdì sera la formazione di “Shura Mujaheddin del consiglio comunale.” La composizione del Consiglio in caso di eventuali attacchi da parte dell’esercito libico e le forze di Haftar prenderà il potere per difendere la città facendo decadere di fatto il consiglio politico in carica. In un’intervista a “Radio Sawa”, un analista politico libico Adel Abdul adeguatamente spiegato che la città di Derna è di particolare importanza, soprattutto in quanto si trova al di fuori del controllo dello Stato Libico.