Iran: export petrolifero in crescita

36

IRAN – Teheran. 02/08/14. La spedizione di petrolio iraniano verso i grandi clienti nel periodo gennaio-giugno: Cina, India, Giappone e Corea del Sud, si è attestato a 1,2 milioni di barili al giorno (bpd), contro i 961.236 barili al giorno nello stesso periodo dell’anno precedente. Fonte Reuters.

Secondo i dati ufficiali doganali e gli orari di arrivo delle navi cisterna, la Cina, il più grande cliente dell’Iran, ha aumentato i suoi acquisti di quasi il 50 per cento nel primo semestre di quest’anno, mentre l’India ha incrementato le sue importazioni di un terzo. L’Iran ha beneficiato degli accordi di Ginevra siglati dai 5 più uno il 24 novembre 2013. Tale accordo prevedeva da parte dell’Iran una rivisitazione in materia di nucleare. Le due parti hanno concordato l’estensione dei colloqui nucleari fino al 24 novembre, al fine di raggiungere un accordo permanente. «Da ora in poi, ci aspettiamo un aumento delle esportazioni di greggio iraniano verso l’Asia, ha dichiarato James Davis, consulente di fatti Global Energy». «Abbiamo previsto un export di 500.000 barili al giorno (bpd) nella produzione di greggio dall’Iran entro la fine del 2015 come molto possibile», ha detto. Il rapporto ha anche detto che le esportazioni dell’Iran verso i suoi quattro principali acquirenti di petrolio asiatici possono essere incrementati fino alla scadenza 24 novembre. I giganti petroliferi mondiali, tra cui Royal Dutch Shell, British Petroleum (BP), Petronas della Malesia, Repsol della Spagna, il secondo più grande produttore di petrolio della Russia , Lukoil, la francese Total e l’Italia di Eni, hanno mostrato interesse a tornare sul mercato iraniano in seguito all’allentamento delle sanzioni contro l’Iran, alla luce dell’attuazione del patto di Ginevra.