Astana: pronti per modernizzare il settore petrolchimico

18

KAZAKHSTAN – Atyrau. 17/09/15. Il presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev, ha raccomandato al suo governo di trovare il modo di attrarre «grandi aziende internazionali per l’esplorazione di nuovi campi». Fonte Kazakhstan Today.

Campi importanti come Tengiz e Karachaganak esistenti da 10-15 hanno raggiunto il picco di produzione e se nel frattempo non si esploreranno nuovi campi, le conseguenze saranno pesanti. Per questo il presidente guarda alla imprese internazionali e ha detto, durante un incontro con i governatori di Aktobe, Atyrau, Kazakistan occidentale e oblast Mangistau, Kazakhstan Today: «Sappiamo che nel bacino del Mar Caspio vi sono ancora da esplorare enormi giacimenti di materie prime». Secondo il servizio stampa del capo dello Stato il numero uno di Astana ha anche sottolineato la necessità di costruire profonda trasformazione del settore petrolio e gas. «Dobbiamo fornire maggiori risorse a valore aggiunto ai prodotti estratti». Ecco perché noi prestiamo molta attenzione al settore petrolchimico. Nella regione di Aktobe per esempio sarà costruito lo stabilimento per la produzione di polimeri complessi. Il costo di tali strutture è di circa 5-6 miliardi di dollari. Ora secondo il numero uno del Kazakhstan è arrivato  il momento di gettare le basi per costruire una grande industria petrolchimica kazaka, di una zona franca economica “National Industrial petrolchimico Technopark” per cui verranno dati fondi. «Il compito del governo e la dirigenza della regione di Atyrau è lo sviluppo di tale zona», – ha detto il Presidente del Kazakistan che ha sottolineato la necessità di introdurre nuove tecnologie nel processo. Parlando dello sviluppo della regione occidentale del Kazakistan nel suo complesso, Nazarbayev, ha individuato alcune priorità. «Abbiamo completato i primi cinque anni di industrializzazione, che hanno creato 80 mila nuovi posti di lavoro, e ora bisogna dare vita al secondo stadio. Solo nella regione occidentale sono stati realizzati 177 progetti, ma il 50% di loro o non funzionano» ha sottolineato, consigliando quindi agli amministratori di migliorare la situazione.