Baku esplora il sottosuolo

33

AZERBAIJAN – Baku. 29/01/14. L’Istituto di Geologia dell’Azerbaigian, il National Academy of Sciences (ANAS) ha iniziato l’esplorazione petrolifera nelle regioni Yevlakh e Mingachevir.

Il principale obiettivo dell’esplorazione è quello di verificare l’esistenza di petrolio in questa regione, a riferirlo Samir Mammadov, il professore di Geologia e Mineralogia e senior fellow ricerca ANAS Istituto di Geologia. Fonte Trend. «Il lavoro di esplorazione geologica effettuata nella zona in 1940 – 1960 ha confermato l’esistenza del petrolio. Tuttavia, l’esplorazione non è stata condotta. Ora , ci proponiamo di continuare l’esplorazione con nuovi metodi», ha detto. Le esplorazioni geologiche sono state effettuate in montagna Ajinohur, ed è stato stimato che in questa regione vi sia petrolio e gas. Quindi proprio in quei luoghi si intende perforare, quello che manca è il supporto tecnologico per la buona riuscita dell’operazione.

Il lavoro è condotto dal Dipartimento dell’Istituto di Geologia Geodinamica e Sismologia in base ad una concessione assegnata dalla società energetica statale azera SOCAR. Mammadov ha continuato a notare che i geologi inizieranno a lavorare con un nuovo metodo, cioè la geodinamica di esplorazione che è collegata alle aree fisiche della Terra: «Useremo diversi metod, tra cui GPS e metodi radiometrici, e studieremo i campi magnetici e termici», ha sottolineato Mammadov .

Le esplorazioni saranno condotte sulla base della geodinamica di esplorazione che è un nuovo metodo. Mammadov ha detto che se i risultati sono positivi gli organi e le strutture statali saranno interessate a continuare il lavoro di esplorazione in altri territori dell’Azerbaigian. Ricerche per l’individuazione di anomalie saranno effettuate in zone vicine al sollevamento montagna Ajinohur, compreso Shaki . L’esplorazione di giacimenti petroliferi sarà possibile solo sulla base dell’osservazione di anomalie . L’attuazione del progetto biennale è iniziato nel mese di ottobre 2013.