Petrobras taglia le spese

30

di Maddalena Ingroia BRASILE – Rio de Janeiro 21/09/2016. La Petrobras prevede di tagliare gli investimenti del 25 per cento nei prossimi tre anni. Il totale degli investimenti tra il 2017 e il 2021, 74 sarà di un miliardo di dollari, con il 82 per cento destinato all’esplorazione e alla produzione, mentre il 17 per cento sarà destinato alla raffinazione e il 1 per cento andrà in altre operazioni. Petrobras, riprova Efe, sta affrontando gravi problemi finanziari causati da un’elevata leva finanziaria unita al forte calo del prezzo del petrolio, al pesante scandalo di corruzione che ha visto coinvolti vertici dello stato. Le vendite delle attività saranno intensificate nei prossimi due anni, nel tentativo di uscire da diverse aziende, con asset per il valore di 19,5 miliardi di dollari che dovrebbero essere venduti, ha fatto sapere Petrobras. Nel periodo 2015-2016, la compagnia petrolifera ha fissato l’obiettivo di vendita a 15,1 miliardi di dollari in asset. Il settore biocarburanti, il gas naturale liquefatto (Gnl) e i fertilizzanti, le partecipazioni in imprese petrolchimiche, sono tra le attività prossime alla vendita. La compagnia petrolifera controllata dallo Stato prevede inoltre di ristrutturare la sua unità di alimentazione e riposizionare il business dei lubrificanti, concentrandosi sulla produzione di petrolio e di gas. Il taglio degli investimenti non avrà un “grande impatto” sugli obiettivi operativi, dato che la maggior parte della spesa andrà nella produzione di petrolio. Il business plan di Petrobras prevede di aumentare la produzione di petrolio da 2,62 milioni di barili al giorno (bpd) a 3,41 milioni bpd al giorno entro il 2021.