Peshmerga: i peggiori soldati da addestrare

7

IRAQ-Erbil. 04/07/15. 600 volontari si sono arruolati nelle unità curde dei peshmerga in 12 giorni. A darne notizia la testata Al-Monitor. Il tutto porterà alla nascita di tre nuovi brigate che saranno formate presto.

Secondo l’autore del pezzo, Mohammed A. Salih che ha raccolto delle testimonianze dei curdi arruolati e di fonti istituzionali dell’esercito, i peshmerga starebbero reggendo alle incursioni di IS sui 1.050 chilometri di confine tra Iraq nord-ovest e Siria. E a nord-est con l’Iran. Funzionari kurdi ripongono molte speranze sulle nuove brigate che saranno molto meglio addestrati e armati delle unità esistenti. «Queste brigate saranno la base per un nuovo esercito professionale che è all’altezza delle aspettative e dei bisogni delle persone del Kurdistan» ha dichiarato alla testata Al-Monitor, Saeed Kakayi, consigliere del ministro del Kurdistan peshmerga. «[Il piano è] di standardizzare le fila peshmerga in termini di struttura militare, addestramento e armi» ha chiosato Kakayi. Le nuove brigate sono una joint venture da parte del Ministero curda peshmerga e il governo degli Stati Uniti, e parte di un più ampio piano per la costruzione di 12 brigate in tutto l’Iraq ad affrontare IS. La formazione potrebbe iniziare nel mese di agosto e le tre brigate curde conteranno poco più di 6.500 soldati. Gli Stati Uniti forniranno set vigili completi di queste nuove unità. «I set comprendono attrezzature per il singolo soldato, compreso caschi, giubbotti antiproiettile, kit di pronto soccorso, fucili e mitragliatrici. Inoltre, avremo i veicoli, per spostare le truppe, forniture e attrezzature» ha riferito ad Al-Monitor, Joseph Pennington, console generale degli Stati Uniti a Erbil, la capitale irachena del Kurdistan.
Ha detto che gli Stati Uniti, in coordinamento con i combattimenti della coalizione internazionale finora ha fornito oltre 180.000.000 dollari di attrezzature e munizioni al Ministero curdo Peshmerga. Molti però, temono che la mancanza di profonde riforme nei ranghi peshmerga influenzerà negativamente lo sviluppo di una struttura politica civile e democratica nel Kurdistan iracheno. Ognuno dei due partiti curdi dominante, il Partito Democratico del Kurdistan (KDP) e l’Unione Patriottica del Kurdistan (PUK) ancora esercitano il controllo su vaste porzioni di peshmerga. Il KDP è guidato dal presidente iracheno del Kurdistan Massoud Barzani, mentre il leader PUK Jalal Talabani è stato presidente fino allo scorso in Iraq. La struttura dei peshmerga si compone di 16 brigate comuni controllate e diretti dal Ministero dei Peshmerga. In aggiunta, ci sono la 70esima Divisione e la 80esima Divisione, l’ex affiliato con il PUK e il secondo con il KDP. Ci sono anche due unità meccanizzate che possiedono armi pesanti. Non ci sono cifre esatte sul numero dei peshmerga, ma le stime indicano 100.000 soldati e altri quasi 190.000.
Gli osservatori hanno fatto notare che questioni quali la politicizzazione e, a volte, la mancanza di una linea di comando centrale, coerente nelle file dei peshmerga siano fattori che ostacolano lo sviluppo di un esercito ufficiale curdo. «L’esperienza ha dimostrato che la formazione libanese di unità combattenti di un gruppo prevalentemente confessionale o u n altro non era favorevole a un’autentica integrazione e ha lasciato l’esercito vulnerabile alle divisioni. Così unità che si integrano sono fondamentali», ha dichiarato ad Al-Monitor Yezid Sayigh, un esperto di sicurezza e difesa e senior associate Carnegie Middle East Center di Beirut. Sayigh, che recentemente ha partecipato ad una conferenza a Erbil sui modi per riformare l’esercito peshmerga, ritiene che «la natura di parte delle varie unità peshmerga e comandi è un grave ostacolo per l’efficacia operativa e apre il rischio di spaccature e violenza», come è avvenuto durante la guerra civile curda a metà degli anni 1990. Le carenze sono state particolarmente messe a nudo durante i primi mesi della lotta contro IS.
Nel mese di agosto 2014, il parlamento curdo ha approvato una risoluzione che chiede l’unificazione e sottopone le divisioni 70 e 80 al controllo del ministero peshmerga. Esso ha fissato un termine di sei mesi per completare il processo, ma 10 mesi più tardi, gli obiettivi sono ben lungi dall’essere raggiunti.