Mazara del Vallo un’alternativa alle multinazionali

51

Da sx Hector Abad_Giovanni Tumbiolo_G. Pernice_Ramon Rosales_Fabrizio di Paola_Calogero BonoITALIA – Mazara del Vallo. 12/07/13. Ancora una volta il Distretto della Pesca di Mazzara del Vallo visto come esempio di “best practice”, questa volta da un Paese dell’America Latina, il Venezuela. «Guardiamo al Distretto Produttivo della Pesca siciliano come modello di sviluppo economico sociale e per tutelare la nostra pesca artigianale dalle multinazionali». Ha detto il Viceministro per la Pianificazione Industriale e Coordinatore Delegato per i Distretti Industriali del Venezuela, Ramon Rosales.

Ramon Rosales insieme all’addetto commerciale dell’Ambasciata del Venezuela in Italia, Hector Abad, sono stati ieri in visita al Distretto produttivo della Pesca-Cosvap. Rosales ha apprezzato le strutture produttive e scientifiche del Distretto fra cui l’Istituto per l’Ambiente Marino e Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMC-CNR) di Capo Granitola, e si è detto pronto ad intraprendere una collaborazione.

«Il Distretto della Pesca è un modello innovativo e spontaneo di associazione fra produttori. Pertanto pensiamo di creare in Venezuela una forma di associazione simile per tutelare e la pesca artigianale dalle multinazionali che sfruttano i nostri mari. Ci attrae la filosofia della Blue Economy promossa dal Distretto per la salvaguardia delle risorse marine e del lavoro del pescatore e pertanto – ha concluso Il Vice Ministro – intendiamo organizzare insieme al Distretto degli incontri informativi/formativi con i nostri pescatori».