Perù: occhio virtuale contro l’illegalità

50

PERU’ – Lima. 23/06/14. Il Perù acquisterà un satellite per migliorare lotta contro l’estrazione illegale. Fonte Andina. Lo comprerà dalla Francia e sarà utilizzato per individuare attività illecite nelle miniere, che contaminano l’ambiente e hano devastato gli habitat naturali. A dirlo all’agenzia di stampa l’ambasciatore francese in Perù, Jean Jacques Beaussou.

Il governo del Perù ha firmato un contratto di 213 milioni dollari per un satellite di sorveglianza, si tratta di un ‘Asrosat-300’ e sarà un occhio, che sarà al di sopra del territorio peruviano e contribuirà a identificare, per esempio, la ricchezza marittima, il controllo della pesca illegale e a spot l’estrazione mineraria illegale nel Paese», ha detto Beaussou all’agenzia di stampa Andina News. Allo stesso modo, l’ambasciatore francese ha sottolineato che con questo acquisto, «il Perù vuole entrare in una nuova era nella attività scientifica attraverso l’uso della cartografia e nella gestione economica della pesca, l’agricoltura, la sicurezza». Secondo Beaussou, cinquanta ingegneri e tecnici peruviani verranno addestrati a gestire il veicolo spaziale, che sarà il veicolo spaziale più moderno gestito da una nazione in Sud America. Il 24 aprile, il governo del Perù ha firmato un contratto di 213 milioni dollari per l’acquisizione di un satellite di sorveglianza francese-made. Il contratto, che è stato assegnato ad Airbus, prevede la fornitura di un satellite ottico ad alta risoluzione, un controllo a terra, la reception e il segmento di elaborazione delle immagini, così come un programma di formazione completo. Anche se il satellite deve essere consegnato nel 2016, la Francia sta già fornendo il Perù le immagini catturate dai propri satelliti.