Petroperu sta ripulendo Las Bambas

65

PERU’ – Lima 18/02/2016. Più del 90 per cento del greggio fuoriuscito nell’Amazzonia peruviana per due rotture nelle condutture da un oleodotto è stato ora recuperato.

Ne a dato l’annuncio il presidente Ollanta Humala. In una visita alla miniera di Las Bambas nella regione andina meridionale di Apurimac, Humala si era impegnato a individuare i responsabili e determinare la sanzioni appropriate per la Petroperu, operatore del gasdotto peruviano Nord, interessato dalle rotture e dai sabotaggi. «Non possiamo avere incertezze su delle violazioni che possono avvenire in qualsiasi momento. C’è bisogno di interventi di manutenzione e monitoraggio del gasdotto», ha detto Humala. Il presidente ha negato le accuse che Petroperu avesse assunto dei minori per raccogliere greggio e ripulire le zone danneggiate dalla marea. «Sono affermazioni in mala fede (…) se c’è la prova che siano stati utilizzati dei bambini per questo lavoro, allora i responsabili saranno puniti di conseguenza». Il ministro dell’Ambiente Manuel Pulgar-Vidal in precedenza aveva detto che Petroperu non aveva manutenuto correttamente il gasdotto peruviano Nord e che la società sarebbe stata multata per 60 milioni di soles (circa 17,2 milioni di dollari). La prima breccia si è verificata il 25 gennaio a Chiriaco, un comune nella regione settentrionale di Amazonas, sversando tra i 2.000 e 3.000 barili di greggio nei tre giorni che ci sono voluti a Petroperu per riparare le condotte. Una quantità non specificata di greggio si è versata in una seconda rottura delle condutture il 3 febbraio nella provincia di Datem del Marañon, situata nella vicina regione di Loreto.