Il Perù dipende dal settore minerario

54

PERÙ-Lima. 22/09/15. I settore minerario è rimasto quello con più peso sull’economia peruviana, lo scorso luglio ha contribuito con 1,2 punti percentuali sul prodotto interno lordo (PIL).

Fonte Credit Suisse Investment Banking del 21 settembre. Altri settori, come i servizi, il commercio ed i servizi finanziari ha aggiunto congiuntamente pesano per l’1,6% del PIL. A dirlo è stato l’economista di Credit Suisse per il Perù, Juan Lorenzo. L’economia del paese delle Ande è cresciuta del (3,26%) nel mese di luglio potenziata dal dinamismo dei consumi delle famiglie e il progresso sostenibile nel settore minerario. L’attività economica ha raggiunto un “record”, registrando 72 mesi consecutivi di crescita. Fonte Istituto Nazionale di Statistica e Informatica (INEI). Mentre la produzione di idrocarburi e il settore minerario ha registrato risultati positivi per il quinto mese consecutivo, fonte INEI,  Anibal Sanchez. 

Il perù negli ultimi anni ha cercato di svincolarsi da questo cappio del settore minerario ma ancora i risulatati sono lontani dal farsi vedere. Lima sa perfettamente che rimanere legati a un settore primario può costare care. Gli ultimi investimenti importanti, tolto il settore edilizio, sono quelli in agricoltura. Settore in continua crescita.