Kuczynski promette un Perù più equo

18

PERU’ – Lima 30/06/0216. Il presidente eletto Pedro Pablo Kuczynski ha lanciato un appello per l’unità nazionale il 28 giugno e ha annunciato il lancio di una rivoluzione sociale per l’uguaglianza di tutti i peruviani.

Kuczynski e i vice presidenti eletti Martin Vizcarra e Mercedes Araoz sono stati ufficialmente designati dal consiglio elezione elettorale, Jne, come vincitori delle elezioni del 5 giugno. Kuczynski, ex ministro dell’economia e dirigente della Banca Mondialem ha avuto 8,59 milioni di voti, rispetto ai 8,55 di Keiko Fujimori, figlia dell’ex presidente Alberto Fujimori. La nuova amministrazione si insedierà 28 luglio per cinque anni, riporta Efe. In un breve discorso, il presidente eletto ha detto che «in Perù, dobbiamo mantenere l’unione», nonostante il fatto che ci sono «molte differenze tra di noi», perché questa è «la quarto transizione democratica» a partire dal 2001. Kuczynski ha detto che «l’America Latina sta attraversando un periodo difficile. Stiamo assistendo a grandi cambiamenti in altri paesi, e altri sono in procinto di affrontare difficili sfide», mentre il Perù ha fatto un cambiamento significativo nel settore economico. «Ma un ulteriore cambiamento è ancora necessario: la rivoluzione sociale, che rende le province uguali alla capitale, equilibra la formazione tra quelli che vanno alle migliori scuole private con quella di coloro che vanno nelle scuole pubbliche, che sono la grande maggioranza», ha poi detto.