PERÙ. Cipriani mette assieme Kuczynski e Fujimori

63

di Luigi Medici PERÙ – Lima 23/12/2106. Il cardinale peruviano Juan Luis Cipriani, arcivescovo di Lima, ha dimostrato la sua grande influenza politica in Perù organizzando il primo incontro tra il presidente Pedro Pablo Kuczynski e il leader di Fuerza popolar, Keiko Fujimori, dalle elezioni dello scorso giugno.

Fujimori finora non si era detta disposta a partecipare a qualsiasi incontro con il nuovo presidente; ma all’incontro organizzato da Cipriani per il 19 dicembre, il leader dell’opposizione è andata senza esitazione, riporta Andina, alla riunione preparata dall’arcivescovo di Lima, per tentare di abbassare la tensione politica esplosa nelle ultime settimane. L’incontro è avvenuto nella residenza dell’arcivescovo che ha fatto iniziare il meeting con una preghiera comune, recitata da Kuczynski e Fujimori.

Le tensioni erano nate dalla censura da parte di Fuerza Popular, che ha la maggioranza nel parlamento con 72 seggi su 130, del ministro dell’Educazione Jaime Saavedra, accusato di corruzione e rimpiazzato da Marilu Martens.

Cipriani, membro dell’Opus Dei, ha una presenza importante nei media, ha un suo talk show radiofonico in cui esprime le sue opinioni, sia su argomenti religiosi che politici nazionali.

Questa sovraesposizione è criticata dalle organizzazioni dei diritti civili e sociali, oltre che dalla sinistra, che ricordano quanto Cipriani fosse vicino all’ex presidente Alberto Fujimori, padre di Keiko, oggi in carcere e che chiedono una revisione degli accordi firmati dal governo peruviano con la Chiesa cattolica.

Niente di tutto questo sembra preoccupare il cardinale, da sempre una figura pubblica fin dagli anni in cui era vescovo di Ayacucho, teatro delle azioni di Sendero Luminoso. I suoi critici lo accusavano all’epoca di prendersi poca cura dei locali, la maggior parte contadini quechua.
L’incontro è stato definito dai due politici franco e cordiale; Kuczynski, riporta La Oferta, ha detto che la conversazione, di oltre un ora, si è incentrata su questioni presenti e future e che nonostante le differenze, che permangono, il dialogo politico è stato costrittivo; da parte sua Fujimori ha ringraziato Cipriani e ha detto che Fuerza popular intende cooperare per apportare benefici per tutta la nazione andina.