Agricoltura canadese nel mirino di Pechino

42

CANADA – Toronto. 23/06/13. La Cina è a corto di generi alimentari, così i cinesi stanno emigrando in Canada con l’intenzione di comprare terreno e produrre alimenti da spedire nella madre patria. Il timore ora è che i giovani canadesi vengano espulsi dal mercato del lavoro perché i cinesi stanno facendo incetta di aziende agricole finanziate da Pechino. Pechiono nega. 

 

 Nella provincia di Saskatchewan, che ospita il 45 per cento di tutti i seminativi in ​​Canada, il prezzo dei terreni agricoli è aumentato in media del 10 per cento nell’ultimo anno, e ben il 50 per cento in tre anni nelle zone in cui gli immigrati cinesi si sono stabiliti. Le autorità provinciali contato una mezza dozzina di grandi imprese di investimento che hanno acquistato i terreni agricoli della provincia che conta un milione di persone, ma nessuno sa se questi acquisti sono legati direttamente a Pechino. Di fronte a richieste di montaggio di sindaci locali per avviare un’inchiesta, i funzionari Saskatchewan hanno cominciato ad esaminare la questione dello scorso anno. «La legge della provincia di Saskatchewan è chiara e dice che gli investimenti in terreni agricoli in questa provincia sono limitati ai cittadini di Canada e ai residenti permanenti» ha detto il Lyle Stewart, assessore provinciale dell’Agricoltura a AFP. Allo stesso modo le aziende agricole devono essere al 100 per cento di proprietà canadese. Tuttavia, ha aggiunto, «un investigatore è stato ingaggiato per sondare “le voci che certi interessi stanno cercando di aggirare la legge». Stewart ha osservato anche che a Saskatchewan il settore immobiliare è relativamente a buon mercato, le tasse sono basse, tassi debitori sono a un minimo storico, i prezzi delle materie prime sono in crescita e, di conseguenza, «le condizioni sono perfette per chi vuole investire». Il timore è che i grossi gruppi arrivino e saccheggino il patrimonio canadese come è successo ad Alberta, al punto che Ottawa è dovuta correre ai ripari emanando norme ristrittive a tutela degli asset strategici