PARAGUAY. Il Qatar investe nell’export paraguaiano

45

I rappresentanti dell’Ufficio di stato per gli investimenti del Qatar si recheranno in Paraguay, il prossimo giugno, per rafforzare le relazioni commerciali, lo hanno annunciato il vice ministro degli Esteri del Qatar e il presidente paraguaiano Horacio Cartes, dopo un incontro avvenuto il 7 maggio.

La delegazione della Qatar Investment Authority esaminerà i potenziali progetti nella nazione sudamericana.

La visita è stata annunciata dall’ambasciatore paraguaiano in Qatar, Angel Ramon Barchini, nel corso di una conferenza stampa a seguito di un incontro tra Soltan bin Saad Al-Muraikhi e Cartes nella residenza presidenziale di Asuncion: «Il Qatar vuole continuare ad essere il centro di distribuzione per tutto il mondo arabo e anche per i paesi dell’Africa, grazie alla sua posizione strategica. Molte possibilità e progetti sono in fase di analisi ed è per questo che una delegazione della Qatar Investment Authority si recherà qui a giugno per darci una risposta» ha detto Barchini, ripreso da Efe.

L’ambasciatore ha indicato che entrambe le parti intendono mantenere e rafforzare le relazioni commerciali quando il presidente eletto del Paraguay, Mario Abdo Benitez, entrerà in carica il 15 agosto.

Gli investimenti particolari che il Qatar prevede di fare in Paraguay nei prossimi anni si concentreranno sui settori delle infrastrutture e della produzione alimentare: «Il Qatar è uno dei paesi più ricchi del mondo e ovviamente un investimento di 5 miliardi di dollari in opere infrastrutturali, che probabilmente si verificherà, sarà un vantaggio molto importante per il nostro paese», ha detto l’ambasciatore.

L’altro settore di rilievo sarà quello dei prodotti alimentari, con una politica di investimenti nelle principali categorie delle esportazioni del Paraguay, come la carne di pollame e di manzo, il riso e la soia. Doha vive da molto tempo una situazione di totale embargo fatta dai suoi vicini per le accuse mossegli di fomentare il terrorismo fondamentalista e d’interferenza nei fatti interni di altre stati. 

Tommaso dal Passo