PANDEMIA. Rimedi anti COVID-19 sul Dark Web

107

La criminalità sta offrendo trattamenti non provati per Covid-19 sul Dark Net, stando a una ricerca australiana. 

Ricercatori dell’Australian National University, Anu, hanno trovato 645 elenchi di prodotti medici, forniture e trattamenti relativi al Covid-19 in una ricerca effettuata in 20 mercati online su Tor, il browser utilizzato per accedere ai siti del Dark Net. 

La ricerca è stata voluta dal governativo Australian Institute of Criminology, lo studio ha stimato che 222 annunci unici avevano un valore di mercato combinato di 241.720 dollari, con diversi presunti trattamenti Covid-19 offerti per quasi 16.377 dollari, riporta Asia Times.

Si pensa che si tratti di vaccini che sono ancora in fase di test in laboratorio, mentre altri sono trattamenti assai improbabili: urina di mucca, argento colloidale, origano e così via.

Dodici mercati offrono prodotti per trattare il covid-19, ma tre di questi occupano l’85% di tutti gli annunci. 

DrugLord22, un fornitore con 23 inserzioni, offre prodotti del valore di198286 dollari; Safetrade elenca prodotti del valore di 5.474 e Kinghacks ha inserzioni del valore di 65.293. 

Ci sono 110 singoli venditori sul mercato, con 394 dei prodotti spediti dagli Stati Uniti, 39 dall’Unione Europea, 17 dal Regno Unito e tre ciascuno da Cina e Hongkong e dall’Australia; due provengono dall’India. Altri 182 prodotti, pari al 28,2% del totale, provengono da fonti sconosciute. I ricercatori hanno trovato 41 presunti vaccini o antidoti in vendita e 313 farmaci antivirali, tra cui 125 per la clorochina, 105 per l’idrossiclorochina e 79 per l’azitromicina. Più di 100 potenziali vaccini sono stati testati, ma nessuno è stato certificato.

La clorochina è stata approvata come trattamento in diversi paesi, ma solo a livelli ritenuti sicuri. Almeno una persona è morta negli Stati Uniti dopo aver assunto clorochina fosfato; anche l’idrossiclorochina è stata testata come possibile trattamento. Tuttavia, ci sono preoccupazioni che le vendite sul mercato nero potrebbero portare a carenze del farmaco per le persone con altri disturbi medici, tra cui l’artrite e il lupus.

Le “cure” e i presunti antidoti per il virus vengono offerti per una media di 377 dollari. Il sangue che si suppone sia stato prelevato da pazienti guariti viene offerto come “vaccino passivo” per proteggere coloro che non sono ancora stati infettati. 

I fornitori del Dark Net offrono anche 59 test e diagnostica per Covid-19 – 28 kit di test e 31 scanner termici o industriali. La loro affidabilità è sconosciuta, ma alcune agenzie mediche sono state ingannate con apparecchiature difettose o fasulle. 

Molti prodotti hanno prezzi ben al di sopra dei tassi di mercato in paesi come l’Australia e gli Stati Uniti, a causa della scarsità di fornitura, come le maschere facciali ad esempio.

Maddalena Ingrao