Nuove norme antiterrorismo del Pakistan

65

PAKISTAN – Islamabad 30/12/2014. Il 30 dicembre, Islamabad ha rivisto la propria strategia per bloccare il finanziamento al terrorismo e smantellare così le reti di comunicazione dei militanti nel quadro di un piano nazionale di azione contro il terrorismo.

«Abbiamo isolato i terroristi con le nostra unità e siamo sicuri che rimarremo uniti contro chi ha ucciso i bambini innocenti» ha detto il primo ministro Nawaz Sharif in una dichiarazione rilasciata dopo una riunione di gabinetto. Sharif si riferiva al peggior attacco terroristico mai subito dal Paese, una strage compiuta dai talebani in una scuola militare a Peshawar all’inizio di questo mese che ha fatto 150 morti, per lo più bambini. «La nostra lotta sarà con le forze dell’odio, della violenza e dell’intolleranza (…) Non possiamo tradire i nostri martiri, dando un quadro di disunione e vinceremo questa battaglia come nazione», ha detto Sharif. Il primo ministro ha annunciato l’istituzione di tribunali militari per i casi di terrorismo legati al fine di accelerare le prove, e ha anche annunciato una moratoria di sei anni sulla pena di morte, e il suo ripristino per i casi legati al terrorismo. Secondo quanto annunciato da fonti governative all’inizio della scorsa settimana, il Pakistan ha in programma di eseguire le condanne a morte di circa 500 militanti nelle prossime settimane. Sharif ha detto alla riunione, cui hanno partecipato anche funzionari dell’intelligence, i ministri della difesa e delle finanze e il capo dell’esercito, che solo nei casi riguardanti i terroristi responsabili per l’omicidio di massa di civili innocenti, bambini, soldati e membri delle forze dell’ordine, si utilizzeranno i tribunali speciali: «Tribunali speciali sono parte del piano d’azione nazionale e sono una soluzione straordinaria ad un problema di straordinario», ha detto Sharif.