PAKISTAN. Revisionati dai cinesi il caccia JF17 di Islamabad

100

La cooperazione tra Cina e Pakistan è stata evidenziata dalla recente consegna del primo jet da caccia JF-17 revisionato nell’ambito di un progetto che secondo Global Times andrà a beneficio dell’industria aeronautica pakistana. La Changsha 5712 Aircraft Industry Co Ltd parte della società statale Aviation Industry Corporation of China, Aviv, ha riassemblato il JF-17 revisionato e lo ha consegnato al Pakistan, riporta poi China Aviation News.

Sviluppato e prodotto congiuntamente da Cina e Pakistan, il caccia leggero monomotore multiruolo JF-17 ha compiuto il suo primo volo nel 2003. I primi JF-17 sono stati consegnati ai pakistani nel 2007 e alcuni sono stati successivamente messi in linea dall’aviazione militare pakistana. Dopo un decennio di utilizzo, era giunto il momento per i primi JF-17 di essere sottoposti a revisioni.

Un contratto è stato firmato nel 2016 e la prima revisione è iniziata nel novembre 2017. L’aereo revisionato ha fatto il suo primo volo di prova nel mese di ottobre 2018. Una revisione comprende una manutenzione importante con riparazioni e sostituzione di vecchi componenti tra cui la cellula e il motore, ha detto Fu. Mentre la manutenzione standard e regolare potrebbe essere effettuata dai militari, una revisione di solito deve essere condotta da un fornitore designato e più capace a causa della maggiore complessità.

Tale revisione può garantire la sicurezza del volo dopo anni di utilizzo e potrebbe anche dotare l’aereo di tecnologie più recenti che ne migliorano la capacità, o prolungarne la durata della vita operativa.

China Aviation News riporta che Avic ha basato la manutenzione orientandola sull’affidabilità, mantenendo cicli di manutenzione brevi e abbassando i costi.

Il Pakistan ha inviato molti tecnici in Cina durante il processo di revisione, per apprendere meglio le tecniche di revisione, riporta China Aviation News. In questo modo, le future revisioni su altri JF-17 potrebbero essere fatte dal personale pakistano.

Tommaso dal Passo