PAKISTAN. Pechino chiede più sicurezza per la Cpec

33

La Cina ha chiesto al Pakistan di rafforzare la sicurezza del Cpec in seguito all’attacco terroristico di due settimane fa che ha preso di mira i progetti cinesi, compreso il porto strategico di Gwadar.

Wang Qishan, vicepresidente cinese, ha incontrato il primo Ministro del Pakistan Imran Khan durante una visita di stato di tre giorni a Islamabad, che si è conclusa il 28 maggio, e ha sollevato le preoccupazioni di Pechino per il corridoio economico Cina-Pakistan, Cpec, compresa la necessità di «misure efficaci per fornire garanzie di sicurezza» per la rete di strade, ferrovie e oleodotti in Pakistan, del valore di 62 miliardi di dollari, come riporta Scmp

Khan ha risposto che il Pakistan aveva creato una sorta di comitato speciale dedicato ad assicurare la sicurezza del personale cinese nel paese, secondo Xinhua.

Il mondo degli affari del Pakistan ha sollecitato la necessità di richiamare le preoccupazioni di sicurezza sopra i progetti nell’ambito di Cpec, colonna della “Belt and Road Initiative” attraverso l’Asia, l’Africa ed Europa. Le preoccupazioni di sicurezza sono state intensificate dopo che uomini armati hanno preso d’assalto un hotel a cinque stelle a Gwadar all’inizio di maggio, non molto tempo dopo un attacco, avvenuto ad aprile, su un autobus in viaggio da Gwadar che ha ucciso 14 persone, compreso il personale militare pakistano. L’Esercito di liberazione di Baloch, che ha minacciato ulteriori violenze contro gli interessi cinesi, ha rivendicato la responsabilità di entrambi gli attacchi.

Oltre ai rischi per la sicurezza all’interno del Pakistan, il progetto Cpec ha anche dovuto affrontare i contraccolpi della vicina India per la controversa regione del Kashmir così come la sua percepita mancanza di trasparenza, i benefici sproporzionati per le imprese cinesi e le aree più ricche del Pakistan, e per aver favorito le intenzioni geopolitiche di Pechino. 

Il Fondo Monetario Internazionale ha concesso al Pakistan un salvataggio di 6 miliardi di dollari a metà maggio per aiutare il paese ad evitare una crisi economica.

Luigi Medici