Pakistan a rischio rivolte

55

PAKISTAN – Isalmabad. 22/11/13. In un certo numero di città pakistane sono in corso marce di protesta contro la violenza settaria che ha avuto luogo venerdì scorso nella città di Rawalpindi adiacente alla capitale Islamabad.

La notizia riferisce che le marce di protesta indette da alcune organizzazioni musulmane sono avvenute fuori dai luoghi di preghiera dopo la preghiera del venerdì nella città di Karachi e Peshawar e Faisalabad e Multan e in altre città nonostante il divieto imposto dalle autorità governative sulle marce.

I canali televisivi locali affermano che le autorità governative pakistane innalzato il livello di allerta della sicurezza nella maggior parte delle città, in particolare nella città di Rawalpindi e capitale federale Islamabad, dove stanno aumentando i numeri di militari dell’esercito e guardie presenti ai confine a Rawalpindi con la chiusura dei porti DC per ridurre i raduni e cercare di limitare gli atti di violenza. L’esercito è stato chiamato anche per impedire le marce nel centro di Rawalpindi creando un cordone di sicurezza stretto intorno alla zona rossa di Islamabad, che comprende il palazzo presidenziale, l’Ufficio del Primo Ministro e la sede del parlamento e dei ministeri e il quartiere diplomatico. Nella maggior parte delle città del Pakistan oggi è in corso uno sciopero generale a causa della chiusura di centri commerciali, scuole e dipartimenti di istruzione e fermare il movimento del trasporto pubblico per paura di trasformare le marce di protesta in rivolte contro gli attacchi alla proprietà pubblica.