PAKISTAN. La mina Balochistan nel CPEC sino-pakistano 

105

Uno studio realizzato con l’assistenza tecnica della Banca Mondiale ha colpito i leader della provincia pakistana del Balochistan, che lamenta scarsi investimenti nonostante le promesse fatte nell’ambito del mega-progetto del Corridoio economico Cina-Pakistan ,Cpec. Il governo del Balochistan, la scorsa settimana, è stato informato che gli investimenti finora effettuati nella provincia sono stati molto bassi, mentre i progetti di sviluppo in corso sono andati avanti ancora più lentamente, riporta Dawn.

L’assemblea legislativa della provincia pakistana ha definito gli investimenti cinesi uno scherzo ed ha esortato il primo Ministro Jam Kamal Khan Alyani ad affrontare la questione con il governo centrale pakistano per una rettifica, una richiesta che il ministero pakistano della Pianificazione non può soddisfare senza prima ratificarla con il Comitato di coordinamento congiunto Cina-Pakistan: Jcc. A peggiorare le cose per i politici cinesi, i politici del Balochistan, cuore dell’iniziativa cinese Belt and Road Initiative, si sentono ignorati nell’iniziativa infrastrutturale multimiliardaria dopo aver appreso che solo il 9% del lavoro di sviluppo è stato completato negli ultimi cinque anni a fronte di un portafoglio totale di investimenti della Cpec di 5,5 miliardi di dollari.

Il briefing, tenuto dalla cellula Cpec del dipartimento di Pianificazione e sviluppo della provincia, si è soffermato a lungo sulla panoramica quinquennale delle prestazioni dei progetti Cpec. Il gabinetto è stato informato che non c’era stato alcun progresso sulla rotta occidentale del corridoio poiché nessuna delle strade che fanno parte dell’”allineamento occidentale” hanno visto l’inizio dei lavori. Inoltre, della minuscola quota del totale stanziato per il Balochistan, solo 1 miliardo di dollari è stato speso negli ultimi cinque anni.

I legislatori balochi hanno appreso che la Cina ha accantonato due dei grandi progetti, vale a dire il Quetta Mass Transit e il canale per l’approvvigionamento idrico di Quetta, che si ritiene il governo provinciale finanzi con risorse proprie. I risultati mostrano anche che il deficit energetico della provincia rimane di 700 megawatt, nonostante l’ulteriore capacità di produzione di energia elettrica con la messa in servizio di progetti di early-harvest della Cpec. 

Riporta Asia Times che il ministro federale per la Pianificazione, lo sviluppo e le riforme Makhdoom Khusro Bakhtyar, è andato alla rappresentanza del Balochistan a Islamabad per incontrare il primo Ministro Jam Kamal Khan e cercare di rassicurarlo sulla rotta occidentale del CPEC e confermare che il Balochistan avrà la priorità nello sviluppo socio-economico della Cpec.

Maddalena Ingrao