PAKISTAN. Islamabad spinge Teheran verso la Cina

93

E se gli Stati Uniti continuano a sanzionare le personalità e aziende dell’Iran, c’è chi in Teheran vede un partner affidabile e cerca accordi commerciali. Nel nuovo scacchiere internazionale è sempre più delineata l’alleanza Cina, Russia, Iran, Pakistan da un lato e Stati Uniti e alleati a “tempo dall’altra”. In modo particolare, il 22 agosto l’Iran e il Pakistan hanno riflettuto su come intensificare le loro relazioni economiche. Lo si apprende dall’agenzia stampa iraniana IRNA. L’intenzione è quella di creare una cooperazione tra il porto iraniano di Chabahar e quello pakistano di Gwadar.

L’esternazione è emersa durante un un webinar sul “Partenariato economico Iran-Pakistan nell’era post-Corona” ospitato dalla Golden Ring Economic Federation (GREF) a Lahore con la collaborazione dell’Ambasciata della Repubblica Islamica dell’Iran a Islamabad il 22 agosto. Durante il webinar è emerso che per dare stabilità alla regione bisogna incrementare i rapporti economici tra Iran, Pakistan, Cina e Russia.

Notando un ritardo nel completamento del progetto di gasdotto Iran-Pakistan da parte pakistana, gli esperti di Teheran hanno detto che l’Iran è pronto ad esportare gas nel paese vicino.

I diplomatici iraniani hanno considerato lo sviluppo della cooperazione tra i settori privati dei due Paesi come un fattore chiave per l’espansione delle relazioni Iran-Pakistan e hanno detto che il collegamento dei porti di Chabahar e Gwadar aprirà la strada alla cooperazione regionale tra i due Paesi vicini. Hanno chiesto l’utilizzo delle capacità delle organizzazioni di cooperazione economica regionale, tra cui ECO, e hanno detto che la Repubblica Islamica dell’Iran è pronta ad aderire al Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC).

Gli oratori iraniani hanno sottolineato la necessità di una migliore comprensione tra gli alti funzionari dei due Paesi amici per proteggere i loro interessi e lottare insieme contro le cospirazioni dei nemici comuni. Gli esperti pakistani, dal canto loro, hanno sottolineato l’importanza dell’adesione dell’Iran al progetto del Corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), affermando che esso rafforzerà la cooperazione a lungo termine tra Teheran e Pechino.

Hanno elogiato la resistenza dell’Iran alle dure sanzioni statunitensi e hanno sottolineato l’importanza di far avanzare i progetti energetici nella regione, compreso il progetto del gasdotto Iran-Pakistan con la Cina, per evitare le pressioni e le sanzioni statunitensi.

I relatori pakistani hanno chiesto la creazione di un gruppo di lavoro congiunto con la partecipazione dei settori privati dei due Paesi per trovare vie di sviluppo, la creazione di eccellenti centri comuni per la ricerca e lo sviluppo avanzato e l’accelerazione dei programmi di scambio tra Iran e Pakistan. Tra i settori di interesse cultura e turismo.

Hanno inoltre elogiato le posizioni di principio della Repubblica Islamica dell’Iran e del Pakistan a sostegno del popolo palestinese in seguito all’accordo diplomatico tra gli Emirati Arabi Uniti e il regime sionista.

Gli oratori iraniani hanno anche apprezzato le recenti dichiarazioni del Primo Ministro del Pakistan Imran Khan a sostegno del popolo palestinese contro Israele.

Il concetto del Blocco Economico dell’Anello d’Oro è stato avviato nel 2010, sulla base del quale nel 2015 è stato istituito il Forum Economico dell’Anello d’Oro (GREF). I membri includono uomini d’affari, ex militari, ex diplomatici e studiosi/esperti del settore. L’area geografica di interesse è la Cina, l’Iran, il Pakistan, la Russia e la Turchia. Anche gli Stati dell’Asia centrale potrebbero diventare membri in futuro.

Redazione