PAKISTAN. Islamabad sempre più vicina a Mosca e Pechino

69

Russia e Pakistan hanno tenuto a Mosca i loro primi colloqui bilaterali a livello di consiglieri per la sicurezza nazionale, incentrati sulle prospettive di una più stretta cooperazione in materia di difesa, spazio, cybersecurity, nucleare, condivisione delle informazioni e commercio. Il consigliere pakistano per la sicurezza nazionale, Nasser Janjua, e il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione russa, Nikolai Patrushev, hanno guidato le rispettive delegazioni nella riunione di due giorni conclusasi il 23 aprile. Una dichiarazione rilasciata dopo il loro incontro riportava che la delegazione pakistana comprendeva alti militari, civili, uomini dell’intelligence e funzionari della Divisione Piani Strategici, che supervisiona il programma di armi nucleari e quello missilistico.

Le due parti hanno espresso soddisfazione per “la direzione positiva e la progressione” delle relazioni reciproche a livello bilaterale e multilaterale, riporta VoA.

Una delegazione russa d’affari dovrebbe arrivare presto in Pakistan per esplorare le opportunità di investimento in vari settori, tra cui banche, ferrovie e telecomunicazioni. La svolta nelle relazioni bilaterali è dovuta al fatto che, negli ultimi anni, le relazioni di Islamabad con Washington si sono nuovamente deteriorate. Le tensioni derivano principalmente dalle accuse che le istituzioni di sicurezza pakistane ospitano e sostengono i talebani in guerra mortale contro le forze afghane e statunitensi.

Il Pakistan respinge le accuse e insiste sul fatto che Washington sta cercando un capro espiatorio visto il deterioramento della sicurezza afghana.

Il calo dell’assistenza economica degli Stati Uniti al Pakistan è stato aggravato quest’anno dalla decisione dell’amministrazione Trump di sospendere anche l’assistenza militare fino a quando il paese non avrà intrapreso un’azione decisiva contro i militanti sul suo territorio.

Mentre gli Stati Uniti sembrano raffreddare le loro relazioni con il Pakistan, potenze regionali come la Russia e la Cina stanno corteggiando il paese. Pechino e Mosca stanno colmando il vuoto di potere, mentre cercano di allargare la loro influenza in Asia

La ripresa dell’impegno bilaterale tra Islamabad e Mosca si è rafforzata nel 2014, quando i due paesi hanno firmato un accordo quadro di cooperazione nel settore della difesa durante la visita in Pakistan del ministro russo della Difesa. In base all’accordo, il Pakistan ha acquistato quattro elicotteri da combattimento russi Mi35 per sostenere gli sforzi antiterroristici. La consegna di più aerei è in corso, insieme ad altri strumenti militari. Le forze speciali pakistane e russe hanno condotto esercitazioni militari congiunte nel 2016 e nel 2017 e prevedono di farlo nuovamente quest’anno, concentrandosi su come contrastare il terrorismo nella regione. 

Russia e Pakistan stanno, inoltre, negoziando potenziali accordi energetici da miliardi di dollari, mentre Mosca costruirà un gasdotto che collegherà le città pakistane di Karachi e Lahore. La Cina ha investito in Pakistan 19 miliardi di dollari negli ultimi tre anni per aiutare il paese vicino a costruire strade, ferrovie, centrali elettriche e porti.

Pechino si è impegnata a investire circa 62 miliardi di dollari entro il 2030 nell’ambito dell’accordo di cooperazione noto come Corridoio economico Cina-Pakistan, o Cpec, progetto di punta della Belt and Road Initiative.

Maddalena Ingroia